domenica 12 luglio 2020,

News

Ξ Commenta la notizia

“Di tutto di più”

scritto da Redazione
“Di tutto di più”

Il Meetup MoVimento 5 Stelle di Castelforte—Santi Cosma e Damiano rivolge un appello di civiltà per arginare le problematiche legate all’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici.
Ogni anno, il 31 dicembre, i “botti di Capodanno” mettono a rischio l’incolumità pubblica e personale. Che tra l’altro va ad incidere notevolmente sul SSN. Le nostre amministrazioni non hanno emesso un’ordinanza a vietare l’esplosione di petardi che sono causa di pericolo, inquinamento e di sporcizia. Per cui ci si appella al buon senso dei cittadini. Vogliamo che la notte di San Silvestro sia una festa per tutti e che i cittadini si lascino travolgere dalla musica e dalla gioia più che dalla voglia di comportamenti poco rispettosi che possono mettere a repentaglio la propria incolumità e quella altrui.
Per Capodanno vogliamo sentitamente invitare i cittadini a tenere un comportamento decoroso e educato verso il proprio paese. In particolare per quanto riguarda i botti, ci auguriamo che siano limitati e i festeggiamenti siano occasione di allegria e non di pericolo.
I botti, oltre ad essere fastidiosi possono essere addirittura pericolosi verso le persone, anziani, malati e inoltre scatenano negli animali una naturale reazione di spavento che li porta frequentemente a perdere l’orientamento, esponendoli così al rischio di smarrimento e/o investimento, con conseguenze gravi anche per gli automobilisti. Sono i petardi inesplosi i più pericolosi; i bambini sono inconsapevoli dei pericoli quando li raccolgono da terra con gravi rischi per la loro sicurezza, la salute e la vita. Oltre a quanto detto, quest’anno si aggiunge il noto problema dello smog che i botti vanno ad aggravare nei grandi centri urbani. E’ pur vero che il nostro è un piccolo paese che non soffre di questi problemi ma moralmente sentiamo il dovere di non voler contribuire ad alimentare, anche con una piccola goccia, quel mare che già rappresenta lo smog.
Invitiamo inoltre le autorità competenti alla valutazione di una adeguata regolamentazione.
Ci appelliamo infine al senso di responsabilità individuale, collettiva e al senso civico, invitando a vivere serenamente le imminenti festività!
Con l’occasione Auguriamo a tutti i cittadini un Felicissimo 2016.

Meetup MoVimento 5 Stelle Castelforte — Santi Cosma e Damiano


POMEZIA, COTRAL:PRESENTATA DENUNCIA PER SOSPETTO SABOTAGGIO BUS INCENDIATO
Questa sera poco dopo le 18 un bus Cotral è andato a fuoco sulla via Pontina nel comune di Pomezia, in località Monte D’Oro. A bordo c’erano circa cinquanta passeggeri che sono stati prontamente evacuati dall’autista. Nessuno è rimasto ferito. In poco più di un mese cinque mezzi sono bruciati per motivi ancora da definire. Gli accertamenti svolti dai tecnici dell’azienda non hanno permesso di risalire alle cause che hanno generato gli incendi. Tuttavia da una prima ricognizione è stato possibile tracciare il percorso manutentivo delle vetture che fanno capo alla medesima officina esterna. Si tratta di due bus Man alimentati a Gpl e di tre Breda Menarini a gasolio per i quali mai in passato si erano verificati problemi di questa natura. Il susseguirsi degli eventi, al di fuori di qualsiasi statistica, non può essere considerato una casualità e non si può più ascrivere alla sola vetustà del parco mezzi. Per questo motivo l’azienda sporgerà denuncia contro ignoti per sospetto sabotaggio“. Lo comunica, in una nota, Cotral spa.


POMEZIA, PALOZZI (FI): “ANCORA TRAGEDIA SFIORATA”
Un’altra tragedia sfiorata, un altro bus Cotral in fiamme con 50 passeggeri fortunatamente messi in salvo. Quanto accaduto stasera a Pomezia bissa purtroppo il rogo di appena 48 ore fa in via della Scafa a Fiumicino, dove ad andare in fiamme era stato un altro pullman dell’azienda regionale del trasporto su gomma. Due episodi allarmanti, assolutamente ingiustificabili, che hanno messo a repentaglio la vita dei pendolari laziali. Un realtà che fortunatamente non ha causato vittime e feriti ma che dimostrano impietosamente l’inadeguatezza e l’immobilismo imbarazzante dei vertici Cotral, capaci solamente di occupare la bella e comoda poltrona di via Alimena senza risolvere le criticità di una azienda sempre più allo sbando. Dopo il pericoloso accadimento di Pomezia, Colaceci e Giana non hanno più alibi: dimissioni subito“. Così, in una nota, il consigliere regionale FI e vicepresidente della commissione Mobilità, Adriano Palozzi.


ATAC, AZIENDA: PUBBLICATO BANDO PER RICERCA DIRETTORE GENERALE
E’ stato pubblicato in data odierna, sul sito internet dell’azienda (www.atac.roma.it, sezione Lavora con noi) e a mezzo stampa, il bando per la selezione del nuovo Direttore generale di Atac spa. L’operazione dà seguito al processo di riordino della governance aziendale, voluto dal Commissario straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, e avviato con la nomina dell’Amministratore unico, Professor Armando Brandolese“. Lo comunica, in una nota, Atac.
Il candidato ideale deve aver maturato una significativa esperienza in posizioni apicali in primarie società industriali e di servizi di rilievo nazionale, preferibilmente nel settore del trasporto, con particolare specializzazione professionale e/o scientifica desumibile da concrete esperienze di lavoro anche in contesti internazionali – prosegue la nota – In particolare, il candidato dovrà aver maturato esperienze e competenze nei settori delle Operations e delle Infrastrutture, dimostrare di avere capacità di orientare l’Azienda nella gestione e nello sviluppo di processi operativi complessi, nel conseguimento degli obiettivi affidati, nell’ottimizzazione dei costi di gestione, nella gestione degli investimenti e dei processi ingegneristici. Sono richiesti, inoltre, una capacità di valorizzazione degli asset industriali materiali ed immateriali, un forte orientamento alla soddisfazione del cliente ed un’attenzione al coinvolgimento dei circa 12.000 dipendenti nel raggiungimento dei target industriali e di servizio. Dal profilo professionale del candidato deve emergere l’attitudine a gestire una complessa operazione di change management e di reingegnerizzazione dei processi industriali ed aziendali, unitamente al perseguimento degli obiettivi strategici indispensabili per il rilancio dell’Azienda e alla riaffermazione di aspetti etici e valoriali.
Si richiede l’ottima conoscenza della lingua inglese; potrà essere considerato titolo preferenziale la conoscenza di una seconda lingua fra quelle maggiormente parlate nell’Unione Europea. I candidati interessati potranno inviare il proprio curriculum vitae, in formato PDF, esclusivamente al seguente indirizzo di posta elettronica:selezione.sviluppo@atac.roma.it entro e non oltre le ore 23:59 di lunedì 11 gennaio 2016. Nessun’altra forma d’invio dei propri dati curricolari verrà per alcun motivo presa in considerazione. Si precisa che si darà seguito alla selezione esterna esclusivamente nell’ipotesi di esito negativo della ricerca avviata nell’ambito delle aziende di Roma Capitale. Ulteriori informazioni sul sito Atac www.atac.roma.it“.


REGIONE, ABBRUZZESE (FI): NECESSARIA AGENDA DIGITALE E SEMPLIFICAZIONE
Durante il mio intervento odierno in aula del consiglio regionale per la discussione sulla legge di stabilità e di bilancio 2016-2018, ho sostenuto la necessita di interventi per l’ implementazione dell’agenda digitale ad esempio, cercando di prevedere l’alfabetizzazione di quei soggetti, come gli anziani, che potrebbero essere esclusi dal processo di digitalizzazione dei servizi pubblici. Non si intravedono interventi per la semplificazione normativa, un tema particolarmente sentito dalle imprese, ma che sembra non toccare le sensibilità di questa amministrazione. Ricordo che l’eccessiva burocratizzazione, costa alla Regione Lazio 1 punto e mezzo di Pil“. Così, lo riferisce una nota, il Vice Presidente della III Commissione durante il suo intervento.


Renzi: Salvini, un bugiardo, lo manderò a casa prima possibile
Governo uccide risparmiatori e non abolisce Fornero, in esilio
Per Renzi il 2015 è stato meglio delle previsioni… Forse migliore per lui e per i suoi amici che si sono arricchiti, non per i milioni di italiani che hanno perso lavoro, casa e azienda. Un governo che non tocca la legge Fornero, che non abolisce gli studi di settore, che salva i banchieri e uccide i risparmiatori deve andare in esilio subito. Ce la metterò tutta per mandare a casa il bugiardo prima possibile!“. Cosi’ il leader della Lega Nord Matteo Salvini commenta il discorso di fine anno del premier.


Tabacchi: Fit, incostituzionale inasprimento sanzioni
Lettera rivenditori a Capo dello Stato
La Federazione italiana dei tabaccai scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, contro l’inasprimento delle sanzioni per chi vende tabacchi ai minori previsto dal Decreto Legislativo, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 23 dicembre. Secondo la Fit, come si legge in una nota, la sanzione è “eccessivamente punitiva violando altresì il generale principio di progressività della sanzione cui deve sottostare ogni pur giusta azione sanzionatoria“.
La FIT, si legge ancora nella nota è “ben consapevole della necessita’ che il divieto di vendita dei tabacchi a minori debba rappresentare un obbligo inderogabile per la categoria“. “Quello che invece si ritiene necessario è che l’aspetto sanzionatorio segua meccanismi di progressività e gradualità che consentano al trasgressore di non subire fin dalla prima violazione una sanzione che ne comprometterebbe la sopravvivenza recando un gravissimo danno ai tabaccai che, nel pieno rispetto della legalità, assicurano un gettito erariale di 14 miliardi annui“. “Il presidente della FIT – si legge quindi ancora nella nota – chiede di valutare con attenzione, in sede di emanazione del decreto, l’opportunità di eliminare la sanzione della sospensione della licenza di esercizio a fronte della prima violazione del divieto di vendita a minori, anche in considerazione dei vizi di costituzionalità e di legittimità comunitaria che tale disposizione presenta, come esplicitamente sottolineato da numerose Commissioni parlamentari.


Milleproroghe: Madia, c’è salvagente per precari Province
‘Possibile rinnovo per tempi determinati’
Proroga possibile per tempi determinati di Province e città metropolitane. La norma è nel Milleproroghe“. Così il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, rispondendo via Twitter, a chi sollecitava un salvagente per i precari della P.A.


GOVERNO. QUAGLIARIELLO: RENZI LI IGNORA, ALLEATI CHE FANNO?
La conferenza stampa di oggi di Matteo Renzi, nella duplice veste di presidente del Consiglio e segretario del Pd, certifica inequivocabilmente l’impossibilita’ di concepire un’alleanza con lui, per il semplice fatto che alleanze e alleati non appartengono al suo orizzonte mentale“. Lo dichiara il senatore Gaetano Quagliariello, fondatore del movimento ‘Idea’. “Sulla legge elettorale – prosegue -, ricordiamo che il ‘capolavoro parlamentare’ è stato realizzato dal premier procedendo passaggio dopo passaggio attraverso forzature e promesse non mantenute, e oggi si e’ compreso che analoga sorte avrà la promessa privatamente rivolta agli alleati di reintrodurre il premio alla coalizione. Sempre che, ovviamente, Renzi non si accorga che conviene a lui. Sulle unioni civili – afferma ancora Quagliariello – il copione è molto simile: le proposte sono quelle della Leopolda, il dibattito è quello interno al Pd, l’esito sarà l’approvazione parlamentare a voto segreto. È fin troppo facile prevedere che finira’ come con la legge elettorale. Quel che resta incomprensibile è perché gli alleati di governo, invece di minacciare referendum ‘a babbo morto’ sul ddl Cirinna’, non mettano sul piatto i loro numeri determinanti al Senato. Cio’ ovviamente presuppone la disponibilita’ a mettere in discussione la permanenza al governo. Ed e’ proprio su questo – conclude – che si sono divise le nostre strade“.


MUNICIPIO VIII, FOGLIO: “SU CIRCO ACQUATICO ENNESIMO FLOP PD”
Prima i manifesti che pubblicizzavano un circo su via Cristoforo Colombo dal 25 al 31 dicembre senza che nessuno in municipio sapesse nulla. Adesso scopriamo che il circo è stato spostato per la durata di un mese (non più una settimana) su via del Tintoretto. Silenzio tombale dal Municipio tra le piccole polemicucce del Pd locale, che ancora non ha capito i danni provocati dallo scioglimento del Comune nelle segrete stanze del notaio. Abbiano almeno i consiglieri del Pd, un sussulto di dignità e facciano commissariare pure i municipi. Tanto nel nostro caso, Catarci al Pd continuerà a trattarli come fastidiosi e inutili compagni d’avventura…”. Lo dichiara il capogruppo di Forza Italia al Municipio VIII, Simone Foglio.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+