lunedì 08 Marzo 2021,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Cisterna di Latina. “Le elezioni comunali si avvicinano e i cittadini (giustamente) si organizzano”

scritto da Redazione
Cisterna di Latina. “Le elezioni comunali si avvicinano e i cittadini (giustamente) si organizzano”

I disagi di un importante quartiere di Cisterna (Collina dei Pini) giungono al coordinamento del Gruppo Cittadini Cisternesi.

Afferma Giuseppe Di Benedetto: “Abbiamo ricevuto la segnalazione dal Signor Gianni Silvestri che vive nell’area di Collina dei Pini ed ha deciso tempo fa di unirsi al nostro gruppo. Lo stato di <non curanza> è evidente e non di certo tollerabile. Il quartiere necessità di quegli interventi strutturali minimali per un risanamento delle situazioni più gravi ed il miglioramento della qualità di vita dei residenti”.

“Non si chiedono mega opere, non pretendiamo lo stanziamento di milioni di euro ma un’attenzione su problematiche che al giorno d’oggi dovrebbero essere più che scontate”.

Il grado di civiltà di un paese si misura infatti sempre più anche con le condizioni di vita a cui ci stanno abituando, nostro malgrado.

Gianni Silvestri, uno dei soggetti referenti del gruppo nel quartiere, punta il dito su: mancanza di pubblica illuminazione, cavi elettrici scoperti sul manto stradale della viabilità che conduce alla scuola elementare e non in ultimo alla mancanza di rispetto per chi meno fortunato di noi è letteralmente prigioniero di un quartiere privo del più semplice e civile abbattimento delle barriere architettoniche.

Il Coordinatore Di Benedetto interviene duramente sulla questione: “Abbiamo provveduto a divulgare subito la questione del cavo sulla viabilità da sistemare urgentemente per eliminare l’esposizione al rischio di chi (auto, bici, pedoni) transita sulla strada che dalla madonnina conduce alla scuola elementare di Collina dei Pini”.

“L’altro caso è quello di un nostro caro amico meno fortunato di noi impossibilitato ad arrivare in centro con la sua carrozzella elettrica per ostacoli fisici che hanno dell’assurdo: alberi, pali e pensiline nel bel mezzo dei marciapiedi”. Ovviamente il discorso va esteso analogalmente alle mamme con carrozzine.

“Forse con la recente costruzione del vicino Centro Commerciale, al posto di un parco pubblico giacente sotto un elettrodotto ad alta tensione si poteva richiedere un adeguamento al sistema viario-pedonale dell’area a sicuro vantaggio di cittadini residenti e disabili”.

Gianni Silvestri conclude: “La soluzione c’era: il semplice tombinamento della scolina laterale avrebbe permesso la realizzazione di un marciapiede fruibile ma soprattutto in sicurezza”. “Noi cittadini contribuenti pretendiamo il minimo sforzo per dotare il quartiere di quegli essenziali requisiti al fine di non compromettere ulteriormente una situazione già in balia del degrado”.

 

Rispondi alla discussione

Facebook