sabato 19 Giugno 2021,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Bando partite iva, arrivate oltre 16.400 domande

scritto da Redazione
Bando partite iva, arrivate oltre 16.400 domande

I primi 4.000 pagamenti avverranno già a partire dalla fine della prossima settimana, finanzieremo tutti gli aventi diritto e nessuno sarà lasciato indietro
10/05/2021 – Chiuso ieri sera alle 18.00 il bando da 10 milioni della Regione Lazio che metteva a disposizione contributi a fondo perduto destinati alle partite Iva del Lazio di 113 codici Ateco di vari settori. Presentate in totale 16.429 domande.
“Un bando importante, per il quale la partecipazione è stata davvero ampia, con oltre 16.400 domande ricevute – ha detto l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Università, Ricerca, Start-Up e Innovazione, Paolo Orneli – Come avevamo promesso, finanzieremo tutti gli aventi diritto e nessuno sarà lasciato indietro.” “I primi 4.000 pagamenti – ha aggiunto l’assessore – avverranno già a partire dalla fine della prossima settimana. La battaglia contro la pandemia è ancora durissima ma si vede la luce in fondo al tunnel e siamo già al lavoro per la ripartenza dell’economia e la costruzione di un nuovo modello di sviluppo più sostenibile e più attento ai bisogni delle persone”, ha concluso.

Il bando, che prevedeva l’erogazione di 600 euro a fondo perduto, è stato pensato per rispondere ai fabbisogni di liquidità di lavoratori autonomi e ditte individuali titolari di partiva Iva (appartenente a tra 113 codici Ateco principalmente dei settori turismo, servizi alla persona, cultura, spettacolo, benessere, divertimento, sport, eventi e cerimonie, attività editoriali, pubblicità e attività di noleggio), operanti nel Lazio, e con un reddito non superiore a 26.000 euro nell’annualità 2020. Era parte di un avviso multimisura da 30 milioni di euro che prevedeva anche quattro tipologie di interventi di sostegno al reddito per colf/badanti, lavoratori della cultura e dello spettacolo, collaboratori sportivi e lavoratori del settore turistico.

I commenti non sono chiusi.

Facebook