giovedì 25 Febbraio 2021,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Acqualatina. “Nessuna cresta sulle bollette”

scritto da Redazione
Acqualatina. “Nessuna cresta sulle bollette”

In riferimento agli articoli in oggetto e alle dichiarazioni ivi contenute, è doveroso precisare che quanto affermato dal Comitato per l’acqua pubblica di Aprilia è il risultato di un’analisi del tutto errata di dati di non ben chiara origine.
Le affermazioni, infatti, secondo le quali il gestore non rispetterebbe quanto definito dalla Conferenza dei Sindaci e, addirittura, applicherebbe una percentuale di ricavo improprio, una “cresta” letteralmente, alle bollette degli utenti, sono frutto di assurde congetture.
Se il Comitato “non si stanca mai di fare e rifare i conti in tasca al gestore” e punta addirittura la “lente di ingrandimento” sulle bollette di Acqualatina, dovrebbe effettuare tali operazioni in maniera corretta e senza addivenire ad analisi del tutto fantasiose.
«Notizia del tutto falsa, infondata, confusionaria e gravemente diffamatoria quella fornita dal Comitato per l’acqua pubblica – afferma il Presidente di Acqualatina S.p.A., Avv. Giuseppe Addessi. – La notizia vera – che poi costituisce un’ulteriore conferma di quanto da tempo peraltro già accade – è, invece, l’ennesima menzogna che questo Comitato, con la complicità più o meno consapevole di alcuni organi di stampa che gli fanno da megafono senza nemmeno mai porsi il problema di verificare la veridicità delle affermazioni, propina agli ignari cittadini-utenti.
Ho sempre creduto e sostenuto che il diritto di critica è legittimo, dovuto, e anche stimolante, ma la sistematica menzogna, diffusa al solo fine di diffamare e screditare persone serie ed oneste, che costantemente cercano di eseguire al meglio il delicato compito a loro affidato, costituisce pratica inaccettabile, indegna e ottusa».
Questi fatti: negli articoli risulta una confusione tra le attività di recupero del credito espletate dal Gestore nel passato e sino ad inizio 2012, e l’attività attualmente in corso, che nulla ha a che vedere con la precedente.
Per le attività di recupero del credito, effettuate nel passato, Acqualatina ha addebitato agli utenti esattamente i costi che a sua volta aveva sostenuto per tale attività.
Nessuna “cresta”, dunque, e nessun guadagno da parte della Società.
Altro discorso, invece, è l’attività che il Gestore ha avviato dal mese di marzo 2012 e che è tuttora in corso.
Tale attività rispecchia un cambiamento sostanziale di approccio nei confronti degli utenti, finalizzata ad instaurare un filo diretto con i cittadini-utenti che possano aver ritardato il pagamento per problematiche legate, ad esempio, al recapito bolletta o a  semplice dimenticanza.
In questo senso l’attività in corso (Customer Credit Care) è tesa ad agevolare gli utenti e ad evitare loro di incorrere nelle procedure di recupero del credito previste dalla Carta dei Servizi.
E’ importante sottolineare che, per questa attività, nulla viene addebitato agli utenti.
Tutte le azioni sin qui descritte sono nel pieno rispetto di quanto stabilito dalla Conferenza dei Sindaci. La richiesta di approfondimento sull’argomento da parte dell’OTUC, a differenza di quanto sostenuto dal Comitato, ha già trovato risposta da parte del Gestore.

Servizio Comunicazione Acqualatina S.p.A.

Rispondi alla discussione

Facebook