domenica 26 Giugno 2022,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Welfare: approvata dal consiglio la legge sull’invecchiamento attivo

scritto da Redazione
Welfare: approvata dal consiglio la legge sull’invecchiamento attivo

Approvata dal Consiglio Regionale la legge concernente “Disposizioni a tutela della promozione e della valorizzazione dell’invecchiamento attivo”. Il provvedimento stanzia risorse pari a 1,8 milioni per il riconoscimento e la valorizzazione della persona anziana, ossia il cittadino con età superiore ai sessant’anni, promuovendone il ruolo nella comunità e incentivando la sua partecipazione attiva alla vita sociale e, a tale scopo, viene istituito un piano operativo contenente le linee di indirizzo necessarie per assicurare l’attuazione della presente norma. Le politiche di invecchiamento attivo si fondano su un processo volto a garantire la salute, la sicurezza, la partecipazione a progetti sociali, sportivi, culturali e formativi allo scopo di migliorare la qualità della vita del cittadino, di rallentare le conseguenze psico-fisiche dovute all’avanzamento dell’età e favorire un contributo alla propria comunità.

Con questo atto la Regione Lazio favorisce: la partecipazione dei cittadini anziani a eventi culturali, musicali, teatrali, cinematografici; la promozione del turismo sociale riconoscendo il ruolo degli enti locali e del Terzo Settore a sostegno di progetti che facilitino l’accesso delle persone con difficoltà economica a eventi in luoghi di cultura; l’adesione ad attività socialmente utili, come l’accompagnamento con mezzi di trasporto pubblici, il supporto nei percorsi formativi di collegamento fra mondo della scuola e quello del lavoro, la sorveglianza nelle mostre e nella manifestazioni giovanili, l’assistenza ai minori e alle persone con disabilità.

“Ottima notizia l’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio regionale della legge che riguarda le ‘Disposizioni a tutela della promozione e della valorizzazione dell’invecchiamento attivo’. Voglio ringraziare la prima firmataria, la consigliera regionale Marta Bonafoni e tutto il Consiglio per il lavoro svolto e anche i pensionati di Cgil, Cisl e Uil che hanno contribuito in modo sostanziale all’iniziativa. Dopo i mesi drammatici della pandemia che ha costretto soprattutto gli anziani a restare a casa e spesso isolati, questo è un segnale profondo, che aiuta la nostra comunità a guardare il futuro con maggiore ottimismo in un’ottica di ripartenza a 360°. In questi anni di governo abbiano lavorato per migliorare la qualità della vita delle persone, aumentare i diritti e le tutele, soprattutto dei più fragili, costruendo un sistema di welfare più moderno ma anche più vicino alle esigenze di tutti. Sono fortemente convito che questa legge sia l’ennesima prova del nostro impegno per la costruzione di un Lazio solidale che non lascia indietro nessuno, offrendo inoltre, non solo agli anziani, un nuovo protagonismo sociale”.

Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

“Gli anziani ricoprono un ruolo fondamentale e sono la colonna portante della nostra società; rappresentano una risorsa fondamentale con il loro bagaglio culturale ed esperienziale e sono la memoria storica del nostro Paese”, commenta l’assessora Troncarelli.

Viene anche stabilito che i comuni possano affidare a persone anziane, singole o associate, la gestione gratuita dei terreni comunali nei quali svolgere attività di giardinaggio e orticoltura, garantendone l’accesso e la fruibilità anche alle persone con disabilità e verrà istituito un apposito fondo per il finanziamento della formazione all’uso delle nuove tecnologie digitali, promuovendo la diffusione e l’implementazione di strumenti anche presso i centri anziani e favorendo l’acquisto di apparecchiature. Incentivato inoltre il sostegno ai nuclei familiari che si prendono cura delle persone anziane presso il proprio domicilio, anche se non autosufficienti, attraverso la garanzia del diritto all’assistenza domiciliare integrata socio-sanitaria, limitando l’ospedalizzazione e l’inserimento in strutture assistenziali residenziali e incentivando anche forme di cohousing.

I commenti non sono chiusi.

Facebook