mercoledì 12 Maggio 2021,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Voler bene a Latina: «Chiusura del supermercato Panorama a Latina, la Regione Lazio avvii subito un tavolo per discutere del caso

scritto da Redazione
Voler bene a Latina: «Chiusura del supermercato Panorama a Latina, la Regione Lazio avvii subito un tavolo per discutere del caso

Noi di “Voler Bene a Latina”,  contenitore che raggruppa undici associazioni che intendono battersi per rilanciare la nostra città, da troppo tempo ferma al palo, lanciamo un grido d’allarme sulla situazione occupazionale dei circa cento lavoratori del supermercato di via Pierluigi Nervi che ben presto potrebbero trovarsi senza lavoro, dal momento che Pam Panorama ha deciso di chiudere il punto vendita a partire dal 1° ottobre 2021.

Sappiamo che le reazioni dei lavoratori non si sono fatte attendere. Così come sappiamo che non si sono fatte attendere quelle della società Pam Panorama spa, che di fronte agli scioperi dei lavoratori, indetti dalle organizzazioni sindacali  Filcams Cgil di Frosinone-Latina, Fisascat-Cisl Latina, Uiltucs-Uil di Latina, ha sostituito in maniera illegittima i dipendenti in sciopero, con altri chiamati da punti vendita lontani e inquadrati ad uno o due livelli superiori. 

Tutto è finito in tribunale e il giudice ha condannato la società per condotta antisindacale. 

Di fronte a questo terremoto occupazionale è necessario che tutti noi, in questa città e in questa Regione, facciamo il possibile per non far perdere il lavoro a questi lavoratori, mettendo in grande difficoltà le loro famiglie. 

Panorama quando 25 anni fa, è sorto in quel complesso un po’ futuristico che era Latina Fiori, ha rappresentato un fiore all’occhiello per Latina. Un intero quartiere ha cominciato a vivere e a muoversi intorno ad esso e come sostituendosi ad una piazza o agorà, ne è diventato il centro della vita economica. 

Inutile dire che bisogna far subito, affrontando direttamente la situazione, cercando di  evitare tutte quelle lungaggini burocratiche che ben conosciamo. Riti obsoleti che rallentano di fatto tutto l’iter della vendita del marchio e il riassorbimento della forza lavoro.  

I commenti non sono chiusi.

Facebook