mercoledì 23 settembre 2020,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Valiani e Carnevale (Lega): «D’Achille moralista a seconda delle convenienze, sul caso Upper deve ancora spiegare perché è socio di una cooperativa selezionata dal Comune di Latina»

scritto da Redazione
Valiani e Carnevale (Lega): «D’Achille moralista a seconda delle convenienze, sul caso Upper deve ancora spiegare perché è socio di una cooperativa selezionata dal Comune di Latina»

Il consigliere di Lbc Fabio D’Achille non perde l’occasione per fare il moralista a fasi alterne. Da un lato, come la stragrande maggioranza della sinistra di questo Paese usa le vicende giudiziarie per attaccare i suoi avversari, salvo trincerarsi dietro l’autoassoluzione quando invece viene toccato in prima persona da vicende che se si fossero verificate sotto l’amministrazione di qualsiasi altra forza politica avrebbero scatenato la sua verve giustizialista e moraleggiante.
D’Achille infatti sarebbe più onesto se ricordasse le vicende legate al suo assessore all’ambiente condannato per calunnia, se pur con sentenza ancora non definitiva, invece di tentare di sfruttare, in maniera goffa, azioni giudiziarie di soggetti terzi sperando di minimizzare su questioni che lo vedono coinvolto in prima persona.
E’ bene ricordare infatti che abbiamo chiesto le sue dimissioni perché una cooperativa di cui lo stesso D’Achille è socio è risultata selezionata per l’attuazione di un finanziamento europeo da 4 milioni di euro dal Comune che D’Achille amministra come consigliere di maggioranza e come presidente di un’importante commissione consiliare. Per chi ha basato la sua campagna elettorale come moralizzatore dei pubblici costumi dovrebbe bastare solo questo dato a darci l’idea di come a volte è molto facile superare il labile confine tra ciò che è opportuno e ciò che non lo è.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+