sabato 19 settembre 2020,

News

Ξ Commenta la notizia

Terracina. “Legambiente e il Coronavirus”

scritto da Redazione
Terracina. “Legambiente e il Coronavirus”

E’ passato ormai quasi un mese dal primo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che annunciava la chiusura di molte attività, delle scuole e l’adozione di misure di distanziamento sociale e che ci costringeva di fatto ad adottare stili di vita e comportamenti responsabili, dal rispetto di regole igieniche all’invito a limitare i contatti fisici ed i rapporti social, al fine di limitare il più possibile il contagio tra la popolazione.

La Pandemia globale da coronavirus, la quale purtroppo affonda le sue radici anche nella questione ambientale e climatica, ha indotto anche il nostro Circolo locale a rinunciare a diverse iniziative collettive già programmate, tra le quali  “Nontiscordardimé – Operazione scuole pulite” prevista per la metà di marzo, e a diverse attivita’ pianificate per il Parco del Montuno, purtroppo chiuso in base alle regole di restrizione sociale e ha sicuramente rallentato molte attività di comunita’ all’aperto.

 

Il fatto di vivere una emergenza epocale non deve pero’ farci tralasciare di adottare ogni giorno azioni ispirate alla sostenibilità ambientale, anche seguendo le buone norme igieniche disposte dal Ministero della Salute, dall’Istituto Superiore di Sanita’ e dalla Organizzazione Mondiale della Sanita’, ad esempio utilizzando per l’igiene detergenti e igienizzanti ecosostenibili e biodegradabili a base di tensioattivi di origine vegetale o utilizzando guanti monouso in materiale 100% compostabile come il PLA e l’amido di mais, e utilizzando fazzoletti in carta riciclata e non colorata così da smaltirli nell’umido e di seguire le regole previste per l’indifferenziato in questo momento particolare, utilizzando più sacchetti uno dentro l’altro e smaltendo con particolare attenzione fazzoletti, guanti e mascherine. Inoltre ricordiamo a tutti i cittadini che dopo aver esposto il bidoncino della spazzatura all’esterno della nostra abitazione e dopo averlo riposto al mattino, è necessario lavarsi immediatamente e con estrema accuratezza le mani prima di fare qualsiasi altra cosa. Inoltre chiediamo agli esercizi commerciali, specie quelli che vendono alimenti, che sia attivato il quotidiano lavaggio e disinfezione di tutte le superfici e dei carrelli utilizzati per la spesa e alla Ditta Gestore Rifiuti Solidi Urbani di dotare tutti gli operatori di guanti e mascherine e che venga effettuata la sanificazione straordinaria dei mastelli per il conferimento porta a porta e frequenti lavaggi e disinfezioni dei mezzi utilizzati per la raccolta dei rifiuti, come anche venga effettuato quotidianamente il lavaggio delle strade con soluzione igienizzante. Alcuni cittadini ci hanno segnalato poi in questi giorni che molti si disfano di mascherine e guanti monouso in plastica o tessuti sintetici, buttandole anche per strada e ricordiamo a tutti che questi oggetti non solo sono potenzialmente portatori del virus ma vanno tutti ad incrementare il problema della plastica in mare e sulle spiagge, questione che è stata affrontata ampiamente dal nostro Circolo con campagne dedicate.

 

Il nostro Circolo aderisce alla campagna nazionale #iorestoacasa proposta da Legambiente per fronteggiare l’emergenza coronavirus, che ha visto in prima linea in questi giorni tantissimi artisti, uomini e donne del mondo dello spettacolo, della cultura, della scienza, del giornalismo. La piattaforma digitale gratuita iorestoacasa.legambiente.it, raccoglie letture, approfondimenti, lezioni didattiche, buone pratiche, intrattenimento, rubriche e opinioni, dossier e dirette web di eventi nazionali promossi dalla nostra Associazione, ma anche buone pratiche, giochi per bambini, curiosità che spaziano da frutta e ortaggi di stagione alle ricette di cucina. Inoltre sono accessibili le grandi inchieste ambientali realizzate da Nuova Ecologia – come C’erano una volta i ghiacciai, Post Sisma dalla parte di chi resiste, Mal D’Africa –  e per gli amanti di musica e film c’è anche una ricca playlist di canzoni green e film: da “A Hard Rain’s A-Gonna Fall” di Bob Dylan a “Mother Nature’s Son” dei Beatles a “Picnic all’inferno” di Piero Pelù. Per la sezione ecocineforum il sito raccoglie documentari e film d’animazione e una selezione di video naturalistici girati nell’ambito di progetti europei Life. Tra le altre clip caricate sul portale: “Droni per la vigilanza ambientale”, “#ChangeClimateChange, cambiamo il cambiamento climatico!” e poi la “Canzone circolare” di Elio e le Storie Tese. L’editoriale La Nuova Ecologia ha messo a disposizione gratuitamente la versione on line del mensile di Legambiente e del bimestrale QualEnergia, aderendo alla campagna di solidarietà digitale del ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione. Il nostro Circolo è a disposizione per qualsiasi chiarimento o proposta in merito e ha già inviato alle Scuole Sostenibili Legambiente di Terracina il link e le informazioni a corredo.

Inoltre il nostro Circolo locale aderisce a #nessunorestindietro che Legambiente ha lanciato insieme al Forum Disuguaglianze e Diversità, coordinato da Fabrizio Barca, nato da un’idea della Fondazione Lelio e Lisli Basso, che vede la partecipazione di otto organizzazioni di cittadinanza attiva (oltre la stessa Fondazione Basso, ne fanno parte ActionAid, Caritas Italiana, Cittadinanzattiva, Dedalus Cooperativa sociale, Fondazione di Comunità di Messina, Legambiente, Uisp), e di un gruppo di persone (membri delle otto organizzazioni e ricercatori e accademici) e attraverso l’incontro e la collaborazione tra il mondo della ricerca e quello della cittadinanza attiva intende disegnare proposte generali per l’azione collettiva e pubblica tese a ridurre le disuguaglianze, soprattutto affrontando l’emergenza e preparandoci a tutto quello che sarà necessario attuare una volta usciti dalla situazione di emergenza, evidenziando cosa fare e subito per proteggere tutti, garantiti e esclusi, provando a lavorare su uno schema concettuale operativo, ispirato al principio di una tutela universale per tutte le persone a misura delle persone, per valutare e completare le proposte di contenimento degli effetti sociali ed economici della crisi all’attenzione del Governo, del Parlamento e del Paese. Lo schema concettuale operativo individua quattro categorie che possono essere associate agli strumenti di welfare esistenti più adatti, modificandoli ed espandendoli in modo da adattarli alla situazione emergenziale. Per il lavoro saltuario e irregolare (oltre 4 milioni di persone) si propone l’espansione del Reddito di Cittadinanza, per il lavoro dipendente o autonomo di piccole e medie imprese (oltre 3 milioni) e per il lavoro dipendente precario (diretto o indiretto) di piccole, medie e grandi imprese resilienti (fra 2 e 3 milioni), si propone l’adattamento della “Nuova assicurazione sociale per l’impiego” (NASpI) e l’”espansione” del Reddito di Cittadinanza. Mentre la Cassa Integrazione appare invece appropriata, insieme ad altri strumenti tradizionali, per il lavoro dipendente stabile o autonomo di piccole, medie e grandi imprese resilienti (fra 11 e 12 milioni).

Il nostro Circolo resta sempre disponibile per supportare l’Amministrazione Comunale, la Protezione Civile Comunale con attività di assistenza alla popolazione, consegna beni di prima necessità e farmaci e sono molti in tutta Italia i volontari di Legambiente impegnati nelle attività, coordinati dalla Protezione Civile e dalla Croce Rossa Italiana, con le quali sono in corso protocolli di intesa a livello nazionale, assicurando cosi’ il loro quotidiano supporto alle persone che ne hanno più bisogno.

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+