giovedì 16 agosto 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Web&Social

Ξ Commenta la notizia

Terracina. “L’appusezziona”

scritto da Redazione
Terracina. “L’appusezziona”

La seconda pubblicazione delle nostre storie dialettali del 2018 riguarda un episodio al quale abbiamo dato il titolo di “L’appusezziona”, ed è ricavato da una avvenimento “vero – simile” accaduto fuori dal Caffè del Duomo (così riferisce la fonte oculare) nei primi anni del dopoguerra, quando le “ritirate” pubbliche si potevano contare sulle dita di una mano e le impellenze di natura fisiologica, come era abitudine,  si espletavano en plein air e in ogni angolo della città alta, in luoghi marcati a futura usabilità per i giovani terracinesi da parte di una moltitudine di nonni e padri con le stesse fetenti tradizioni.

Un vezzo che nell’occasione che narriamo porterà a un conflitto tra un tutore dell’ordine e un cittadino sui generis, con tanto di dettagliata “appusezziona” del fatto al “Prutore” del reprobo, che non voleva saperne di pagare la multa affibbiata dalla Guardia municipale.

Il finale della vicenda è poi degno della migliore epopea del “Bagaglino”.

e.l.

 L’appusezziona

Arture Bianchini che studiava da Professore, Lesandre Felosce e Ughe Matthiase che studiavene da Vucate e Arture Pasquale che studiava … accome fa passà ju tièmpe, stèvene a giucà a bejarde dènte da Z’Iuccia. A nnu cièerte mumènte a Arture Pasquale ce scappètte da pescià.

Aregètte pè nnu puè ma dapò nen ce la faciètte ppiù e scite fòra se mèsse a pescià a ju cuantòne de lla Turètta.

Mò, mèntre se scarecava e ze sentiva azzeccà an paradise pè desgrazzia sèja che te capetètte? Cadorna!

  • Ah care comparo Arture, te ci sono acchiappate a lla cajiòla.
  • Che è cunpà?
  • Staio an cuntrafinziona.
  • Je? E pecchè?
  • Staio a pescià sòpe a lla pubbreca piazza.
  • E mbèh?
  • Tenìvito antaro al pubbreco orenatoio che sta abbasce a lla Vòta, che nen le saj?
  • Sèh! Abbasce a lla Vòtà, sèh! Da ccà a llà aje vòja tu a pesciarme sòtte!
  • La lèggia nen conoscio agnuranzetà. Hai caduto nel riato de pubbreca scaldalizzaziona pè pesciata an loco non autorizzate – che sarìa a ddì, è vvère, am pièzze a lla piazza – e apperciò tièteta pagà.
  • Ma … ccà c’ènne sèmpe pesciate!
  • E mmo nen ce se po’ pescià ppiù! Allora ju Cumune, ju pesciature abbasce a lla Vòta che j’è fatte a ffa?
  • Cunpà, ma ce piènze che da ccà a llà ce stanne quase quatteciènte mètre?! Aje vòja a pesciarme sotte jè!
  • Aaah, cumpà! E arefrèga pate ca la mèssa nen ze canta! La lèggia non conoscio agnuranzetààà! Iamme, caccia fòra: na lira e nnu bbòchej.
  • Cumpà, je nen cacce gnènte.
  • Cumpà, tu tièteta pagà!
  • Cumpà, je nen paghe!
  • Cumpà, tu paghe, ca sennò la manne a ju Prutore e ce mite sòpe lu rièste!
  • Cumpà, tu mànnela a ju Prutore e je ce facce l’appusezziona.
  • E addumane mmatina ce sta pure l’appusezziona mèja!

Ditte e fatte!

Se rabbuttenètte j cazzune, iètte defèlate da Tebbalde, accattètte nu fòjj de cartambullata da do lire e screvètte l’appusezziona.

Dapò ceva raccontate tutta lapianeta, accome e qualmènte eva sciuccièsse, e quante stèva luntane da lla Piazza ju pesciature de lla Vòta, fernesciètte accusì:

“Atèssi mò, segnor Pruturo, i fatti sone dòvua: o il sottescritte Arture Pasquale se pesciava sotte, e chèsse è annammessibblo, oppuramènte tenèveta tenè nu c… luènghe da lla Piazza anzenènte abbasce a lla Vòta”.

E … menummale che chiju Protore eva n’ome de spirde!

  • Eufrasia Izzi, discendente di un ramo cadetto dei Duchi di Lorena, proprietaria del Caffè del Duomo.
  • Silviano Gasperini, vice comandante delle Guardie della città.
  • Teobaldo Blonk – Steiner, proprietario della tabaccheria n.1. Misantropo. Si e no era quanto gli si poteva cavare. Se non aveva il prodotto richiesto neanche quel sì e no diceva, ma prendeva il danaro che l’acquirente aveva incautamente posato sul banco e lo gettava fuori la porta.

Riproduzione riservata.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+