giovedì 16 agosto 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Web&Social

Ξ Commenta la notizia

Terracina. Dedicato a Emilio Selvaggi: un terracinese vero e verace. “La lastra de mmarmere”

scritto da Redazione
Terracina. Dedicato a Emilio Selvaggi: un terracinese vero e verace. “La lastra de mmarmere”

Il 14 novembre Terracina ricorderà la dipartita di un grande terracinese: Emilio Selvaggi.

Spiegare in poche righe chi è stato Emilio è un esercizio difficile, che potrebbe farci sconfinare nella retorica.

I suoi amici del WWF di Terracina il 14 di questo mese lo ricorderanno ponendo sui muri del  Parco della Rimembranza un piccolo segno a reminiscenza di chi quel luogo abbandonato dagli uomini e dalle istituzioni pubbliche riuscì a bonificare e a rendere spazio di intensa vita sociale e culturale.

Bene hanno fatto gli uomini e le donne del WWF anche nel sintetizzare l’intera filosofia di vita di Emilio riportando nella grafica a supporto dell’evento del 14 novembre una frase – tormentone che ripeteva in ogni occasione utile: I cittadini – affermava – si dividono tra chi usa prendere più che dare alla propria città e chi, al contrario, dona molto di più di quanto possa prendere in una vita intera”. 

Ed è proprio alla seconda categoria di cittadini che apparteneva Emilio Selvaggi.

Noi, che lo abbiamo conosciuto e apprezzato, vogliamo dedicargli l’aneddoto in lingua terracinese che segue, scritto da Genesio Cittarelli.

e.l.

 

La lastra de mmarmere

Eva, m’appare, ju muèse de giugne antorne a lu 1960 e da nu puare de mese a sor Arture Pasquale nen ce se putèva di né bbèl né brutte.

Tenèva cièrte frègne pè ju cape pè via che a lla Cattedrala una de chèlle lastra de mmàrmere de ju viècchei tèmpej rumuàne s’era speccecata  e da nu mumènte a j’àvete sarìa pututa cadè.

Chèsta lastra stèva pròpeta sòpe a lla buttega sèja e seccome l’aggènta intrava e isceva accome e nnu porte di mare, putète penzà che razza de marmellata de cristiane sarìa fatte.

Eva mannate ju ‘sposte raccomennate a lla, Sovrantentènzela a ju Prefètte, a ju Sìnneche, force pure a ju Puàpa: gnènte!

Nen zule nesciune ce deva canze, ma de nna resposta manche la puzza!

Stèv’accusì ju fuatte, quande na sera j fermòne nu gruppe d’amicio.

– Sor Artù, e cu sta prèscia andò vai?

– A lla Pòsta. Tènghe da spedì n’ata raccumannata a lla Sovrantentènzela.

– N’àta? Ma lassa pèrde! Cu s’aggenta è tièmpe pèrze! Chisse manche te respònnene!

– Eh, no, corpe dell’anticriste! Sta vòta nen zule arespònnene ma se faranne pure vedè! Force veniarenne j Carbegnère ma, corpe dell’atecriste, cacchedune veniarà! Scusate!

Raprètte la lèttra e dapò ch’eva raccuntate tutta la pianèta, e ciuvuè, accome stèva ju fuatte, tutte le raccumannate fatte e a chi l’eva mannate, cu ju giorne che l’eva fatte e lu nùmmere, fernesciètte ju ‘spòste cu chèste apprecise parole:

“…e se quella pietra cade mentre il sottoscritto Arturo Pasquali entra, ad Arturo Pasquali chi lo paga? Sto c…??!!”.

Dapò na semmana menèttere j’upraje de lla  Sovrantentènzela e la mettèttere a ju pòste.

Chèssa è n’ata prova ca a stu paiese, culle bbòne manère e llu bbuène parlà, se ave tutte.

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+