giovedì 16 agosto 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Web&Social

Ξ Commenta la notizia

Terracina d’altri tempi. “Peppiozze e l’anno che verrà”

scritto da Redazione
Terracina d’altri tempi.  “Peppiozze e l’anno che verrà”

Potremmo intitolare il breve racconto che segue “Peppiozze e l’anno che verrà”. Infatti, tra qualche ora, e anticipando la pubblicazione dell’aneddoto in puro stile terracinese d’altri tempi, brinderemo all’anno che verrà con il solito e incrollabile desiderio che tutto possa essere ricondotto nell’alveo delle buone risposte di carattere personale e familiare – per rimanere nell’intimo – ma anche nell’occasione svelare il folle desiderio di riprenderci la buona salute fisica (da non confondere con la buona scuola di renziana memoria) e se poi possiamo esagerare, vorremmo anche vincere la Lotteria di Capodanno, senza neanche acquistare il biglietto.

Ma tutto ciò, onestamente, ci appare incongruo con il desiderato umano delle miss ante litteram, per le quali la massima ambizione era ottenere attraverso l’esercizio dell’auspicio della vigilia la “Pace nel Mondo”.

Nel panorama dei buoni auspici e propositi in divenire, ci viene in soccorso “Peppiozze” che travolto tra la routine quotidiana e lo straordinario passaggio d’nu  cuàmmej per le strade sterrate (all’epoca – come oggi) di Terracina, rimase vittima di una “freccia” non vista (ho scritto freccia e non buca!).

Ciao e buon 2018 a tutti voi.

e.l.

 

Peppiozze

Peppiozze (Giuseppe Di Pinto, proprietario della Trattoria dei Corrieri) spìsse, ju doppepranze, dapò ju lavore de lla tratturia, se pejava la motobecellètta du ju fij Saturne e se facièva na spasseggiata pe lla spiaggia, arevènne anzenènte a lla Triunfanta, ca allora più luntane nen putiv’ji.

Nu doppepranze de chiste, pe ju viale de lla Vettòria, menènne verze Taracina, cammenava derete a nnu cuàmmej quande chiste, tutta na bbòtta, spuggètte  pe via Buttasse e isse ce iett’antruppuà.

Iscite da ju spedale dapò parecchej jòrne, j’amice ce facièttere j’avegurej de lla guareggiona e vòttere sapè ju fuatte accome e qualmente eva ciuccèsse, e isse j raccuntètte pe file e pe segne.

Fernite de raccuntà la pianeta, une ce dumuannètte:

– Nèh, Peppiò, ma la freccia nen la sì vista?

-Peppiòzze, acchiappate a l’antrasatta j guadètte ne puè sballuttite e dapò sbuttètte:

– La freccia?? Ma je nen zò viste manche ju cuàmmej!

 

Riproduzione riservata.

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+