giovedì 18 ottobre 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Web&Social

Ξ Commenta la notizia

Terracina d’altri tempi. Operazione attacchinaggio dei manifesti elettorali: ieri come oggi!

scritto da Redazione
Terracina d’altri tempi. Operazione attacchinaggio dei manifesti elettorali: ieri come oggi!

Il Popolo italiano di etnia terracinese, più comunemente indicato dalla Pletora dei candidati a un seggio come Popolo Sovrano – il prossimo 4 marzo sarà chiamato alle urne per il rinnovo del Consiglio regionale del Lazio e dei due rami del Parlamento nazionale.

Detto del Popolo Sovrano e della Pletora indefessa dei famelici candidati al consenso elettorale, la liturgia rimane la stessa: gli italo – terracinesi  saranno chiamati in oceaniche adunate “comiziali” di piazza, con “comizianti” per lo più improbabili e sparuti pseudo fini dicitori dalla facile retorica unti dal “Signore” e quindi depositari del “Verbo”.

Peculiarità che non mancherà per riempire a dovere la kermesse, sarà il rito dell’attacchinaggio dei manifesti stampati per l’occasione.

Cartelloni, locandine, poster, tabelloni, saranno tutti finalizzati ad indicare al Popolo Sovrano le virtù del singolo candidato, ritratto, spesso, in posture e slogan al limite della ridicolaggine.

Una storia “d’attacchinaggio” primordiale, alla terracinese, ve la raccontiamo in versione mignon di seguito.

Il fatto si svolge durante la chiamata alle urne del 1948 o forse del 1952, ma quello che oggi a noi più importa è sapere che da quel tempo a oggi poco o nulla è cambiato … nella liturgia pre elettorale.

Il titolo che abbiamo conferito all’avvenimento è: “Ju guardiane de lla Motegrazia Crestiana”, che altri non era che ‘Ncicche ju Vuavùse.

Buona lettura.

e.l.

 

Ju guardiane de lla Motegrazia Crestiana

Evene ancumenzate a frabbecà palazze nuève e guardiane de notte eva ‘Ncicche ju Vuavùse.

Ju cuantière eva chiuse da nnu recinte de tàvule nòve nòve, appena ‘scite da lla segheria, e p’ordene de j prencepale ‘Ncicche teneva cura che nesciune le vugnèsse.

Ma ecche che sbannèttere j cumizzeje alletturale (nen me recorde, mò se de ju 48 o ju 52) pè dènte le sezzione de j partite eva tutta na babbellonia.

J più affusciàte èvene j’attacchine, che già j’èvene cummuattènne cu baràttele, budone, pennellone e colla de farina; e che arevate i più prima manefèste partòrne a j’assalte, da ndò nen ze salvètte manche nu pualme de mure.

Dunca, la prima nuttata sope la Piazza capetètte na squadra d’attacchine de ju partite de j’Ome Accome j’è j’è.

Veduste chella bella stacciunata de tàvule pulezzate pulezzate non ce pareva vere, ma, mènte stèvene pe z’avvecenà, ecchete che te zumpètte fòra ‘Ncicche.

  • Vuèh, che vulete fa? A ssa nen ce putete appeccecà gnènte, sète capite? E … porco qua e porco là!

J prencepale ènne ditte che lle tàvule pulezzate so e pulezzate tènera rumuanè. E … mannaggia sòpe e mannaggia …sotte!

Che mme vulète fa perde lu puane pè lla famija? Ma je porco là …

‘Nzomma, se mèsse a fa pègge de nnu cuane arajate, tante che chije, impressionate, ce dèssere:

  • Va bbuene ‘Nci. E te vuè ‘ncazzzà assussì?

E se ne ièttere.

Dapò passòrne i repubblicane, dapò i lebberale, i sciuscialiste e j cummuniste: e ‘gnune se duvètte pijà la cazziata de ‘Ncicche.

Stèvene accusì le cose quante, pè ùteme, verze mezzanotte, arevèttene lòcca lòcca na squadra de motecrestiane.

A ‘Ncicche, ca a mmana a mmana ju sturbe eva peggiurate,  ammala pena j raffegurette, n’ate puè ce pejavene l’enfantiòle.

I strille e lle jastème che scruccava nen ze pònne raccuntà.

Pareva accome se ce fusse apparute ju diavele.

Tante strellètte e j’astemètte che rumuanètte senza fiàte. Chij, che anzenènte a chiju mumente j’èvene rumuaste a guardà  cu cièrte facce da cazze, quande i vèddere fenalmente azzuttute, dèssere: Sì fernìte, ‘Ncì? – e dapò, guardènnese an faccia nu mumènte, dèssere: jamme, forza! E ccu nnu mumènte ce anzeppòrne tutta la tavulata de manefèste.

‘Ncicche ev’arumaste ammalandìte.

A vòcca ruperta cercava de pejà aria accome a nnu pesce fora dall’acqua, ma la mazzata tra cape e cuèj, che j lassètte anciamurdite, fu quande ju capentèste de j motecristiane ce dèsse; – ‘Nci, se addumane mmatina ne truvuame une stracciatem te denuziame a te manname an galera. –

Rejscite a pejà fiate la rabbia de ‘Ncicche se apprima pareva nu bumbardamènte ‘mmerecane, addapò schiuppètte accome adiece bomm’atòmeche miss’anzième.

Ma chij nen ce dèttere canze e se ne ièttere scuitàte.

Vèrze le tre de lla mmatina nu cuntadine che z’abbejava  pe ji fòre j truvuètte an mièzze a lla Piazza azzettate sòpe a nna sèggia.

-‘Nci, e che staj’a’ffa ssà?

Stòngh’a guardà chije manefèste, ca se passa cacche lazzarune e j straccia, chije me mànnene an galera! –

 

 

E fu accusì che ‘Ncicche se faciètte tutta la nuttata svèj pe’ffà la guardia aje manefèste motocraticio crestìane.

Ah, me stève scurdènne de dirve na cosa: ‘Ncicche eva cummuniste.

 

Riproduzione riservata.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+