mercoledì 25 Maggio 2022,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Terracina. “Cose di casa loro”, rubrica di occhiuta e documentata osservazione politica. Centro Congressi Arene 12 anni e 272 giorni dall’inizio dei lavori

scritto da Redazione
Terracina. “Cose di casa loro”, rubrica di occhiuta e documentata osservazione politica. Centro Congressi Arene 12 anni e 272 giorni dall’inizio dei lavori
Straordinaria storia di dannosa gestione degli interessi della popolazione di Terracina.
Quello che segue è un racconto – riprodotto in stralcio – dalla ricca documentazione del prof Carmelo Palella (che ringraziamo per il contributo civico), il quale con encomiabile capa tosta continua da anni a ricordare ai cittadini lo stallo di molti cantieri di opere pubbliche che l’ente di Piazza Municipio ha posto in essere con il privato, offrendo loro terreni e benefit vari nell’intento di ottenere quanto poi statuito all’interno degli accordi di programma.
Il centro congressi Arene, da decenni, non sfugge alla mala gestione politica e amministrativa di Terracina.
Riporta, tra l’altro, nell’attenta ricostruzione dei fatti il prof Palella:
… In data 05.01.18, viene annunciato dall’Amministrazione di Terracina che “La giunta comunale di Terracina ha licenziato oggi una deliberazione con la quale si approvano le proposte di modifica al progetto relativo ai lavori di completamento dei servizi di quartiere insistenti nell’area del “Parco Commerciale Arene” (quartiere “Arene 1”), con particolare riferimento al miglioramento dell’impianto antincendio della struttura, alla riduzione del consumo energetico e al completamento del costruendo centro congressi”. . . . e “si è avuta conferma che il centro congressi sarà pronto entro la fine di quest’anno, consentendo alla città di Terracina di disporre, finalmente, di una adeguata struttura pubblica dedicata alla convegnistica. Il sindaco Procaccini afferma che “si tratta di un passaggio importante relativo ad un’opera significativa per Terracina sia sotto l’aspetto economico sia dal punto di vista socio-culturale”. . . . “Il centro congressi tra qualche mese sarà una realtà di cui beneficerà tutta la nostra comunità”. Anche l’assessore all’Urbanistica Pierpaolo Marcuzzi si dice soddisfatto “per il prossimo completamento di opere, in gran parte già attive da tempo, che hanno creato una vasta area attrezzata e ricca di servizi prima assenti. Da quartiere essenzialmente residenziale, ora si è trasformato in un polo d’attrazione sociale ed economico per tutta la città”.
Lo stesso annuncio, sostanzialmente, viene riportato da altra testata giornalistica il 06.01.18 (https://www.latinaquotidiano.it/terracina-il-parco…/).
“La situazione igienico-sanitaria del Parco commerciale Arene di Terracina è allucinante”. La consigliera comunale Valentina Berti del Partito democratico chiede lumi all’amministrazione comunale.
L’intervento dell’esponente dem scaturisce da un dibattito innescatosi sul web, a seguito di un post di Igino Di Lello che a testimonianza del degrado dell’area ha offerto una serie di foto (alcune delle quali pubblicate in questo spazio): “Queste sono le condizioni in cui si trovano gli edifici incompiuti del Parco Commerciale Arene, ormai da anni lasciati alla deriva. Accanto ci sono abitazioni, chiesa, Conad Superstore e tantissime persone che ogni giorno transitano in quella zona. E’ una vergogna, chi dovrebbe intervenire?”.
Ed ecco che alla domanda ha risposto il sindaco europarlamentare Nicola Procaccini: “Purtroppo è un cantiere privato. Faremo la nostra parte con un’ordinanza immediata e denunceremo tutto alle forze dell’ordine”.
La risposta del sindaco è apparsa fuorviante alla consigliera di opposizione Berti la quale sottolinea che ha più volte segnalato il problema ma che purtroppo non si muove nulla.
“Mi risulta – spiega la perplessità sulle parole del sindaco – che alcune zone verdi sono state già consegnate al Comune ma rimangono recintate e in balia di atti vandalici e di situazioni poco chiare. Non possiamo assolutamente rimanere immobili di fronte a tale degrado. Come Partito Democratico abbiamo segnalato anche più volte i ritardi della consegna del parco e tutto quanto c’è di poco chiaro.
Un progetto che prevedeva la consegna di aree al Comune contestualmente all’apertura di parti private.
Ma quando???? Vorremmo finalmente che fosse fatta chiarezza”.
C’è da riferire come ultimo dato, che la consigliera dei dem Berti è transumata con altri due compagni di partito alle elezioni comunali del 2020 in una lista a sostegno dell’attuale sindaco Tintari, propaggine dell’eccellente costruito politico (si fa per dire) dell’ex sindaco Procaccini, oggi ospitato caldamente nel “Ventre della balena”, spiaggiata in quel di Bruxelles.
N.B. La foto rappresenta alcune attività commerciali insistenti nella edificata struttura.

I commenti non sono chiusi.

Facebook