lunedì 18 giugno 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Web&Social

Ξ Commenta la notizia

Terracina. Alessandra, Vigile e motociclista della prima ora

scritto da Redazione
Terracina. Alessandra, Vigile e motociclista della prima ora

Si chiama Alessandra Cafolla e di mestiere fa l’agente della Polizia Municipale, in servizio attivo da giugno 2005 presso il Comando di Terracina, con una grande e irrefrenabile passione: la moto.

Motociclette di qualsiasi cilindrata, meglio se potenti e scattanti, per Alessandra  il desiderio recondito da appagare.

Un sogno che andava realizzato, al più presto. Alla prima occasione utile.

Opportunità che Alessandra ha colto al volo quando è entrata a far parte della famiglia dei “pizzardoni” terracinesi, rappresentando già nel suo primo giorno di lavoro al Comandante Vincenzo Pecchia il desiderio di poter svolgere il servizio nella ristretta comunità dei vigili motorizzati.

Autorizzazione concessa, dietro la promessa, però, di superare un ulteriore esame professionale: l’abilitazione alla guida della moto “d’ordinanza”.

Alessandra s’impegna a fondo ed è promossa a pieni voti.

Grazie al via libero ottenuto dalla commissione d’esame, Alessandra sale in sella a una moto Guzzi 750 in dotazione al Corpo della Polizia Municipale e inizia una nuova vita.

Alessandra centra poi anche un altro obiettivo: essere stata la prima donna della Polizia Municipale di Terracina a far parte della pattuglia motorizzata.

Agosto 2005.

Dal 2005 a oggi tante cose sono cambiate, a iniziare dalla denominazione: non più Agenti di Polizia Municipale ma agenti di Polizia Locale, oltre ai vari cambi di sede che transumanza dopo transumanza, ha portato il Comando ad essere ubicato  oggi nei locali dell’ex Tribunale di via dei Volsci.

Per finire con il pensionamento per raggiunti limiti di età del Comandante Pecchia e la mai risolta questione della dotazione organica del Corpo, ridotto da anni ai minimi termini.

Ma questa è un’altra storia.

Ottobre 2017

e.l.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+