mercoledì 22 maggio 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Terracina. Sfruttamento della manodopera: arrestati due fratelli imprenditori

scritto da Redazione
Terracina. Sfruttamento della manodopera: arrestati due fratelli imprenditori

La Polizia di Stato nel pomeriggio di ieri in collaborazione con l’Ufficio Immigrazione del Commissariato di Terracina, ha arrestato in regime domiciliare due fratelli per il reato di caporalato, si tratta di: Ferraioli Francesco, nato a Terracina il 26.6.1975 e Ferraioli Antonio, nato a Terracina il 15.11.1971.

Da maggio nell’ambito del progetto “EMPACT THB. Traffico di esseri umani finalizzato allo sfruttamento del lavoro. Action Week 14 – 19 maggio 2018” promosso dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato è partita una operazione di controllo ispettivo all’Azienda Agricola “Duemilasei”: nello specifico, il personale del commissariato il 16 maggio accedendo ad alcuni campi coltivati a cielo aperto ed in serra, n via II° Macchia di Piano in località Borgo Hermada, riconducibili ai fratelli FERRAIOLI, ha registrato la presenza di 7 braccianti agricoli, tra cui un irregolare sul territorio nazionale.

A seguito dell’ispezione sono state accertate le condizione di sfruttamento lavorativo sia sotto l’aspetto della manodopera clandestina, sia per la politica renumerativa usata per i lavoratori assunti con contratto a tempo determinato: retribuzioni difformi dai contratti collettivi nazionali o comunque sproporzionate rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato; inoltre è stato rilevata la sistematica violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria, alle ferie e la violazione della normativa in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, in misura talmente grave da esporre il lavoratore a pericoli per la salute, la sicurezza o l’incolumità personale.

I lavoratori erano sottoposti a condizioni di lavoro massacranti, duri metodi di sorveglianza, e sistemati in alloggi fatiscenti e degradanti.

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+