sabato 26 settembre 2020,

News

Ξ Commenta la notizia

“Simeone:la giunta Zingaretti non riesce a lagiferare e preferisce le scorciatoie”

scritto da Redazione
“Simeone:la giunta Zingaretti non riesce a lagiferare e preferisce le scorciatoie”

“L’approvazione del collegato al Bilancio testimonia ancora una volta la scelta di quest’amministrazione regionale di preferire le ‘scorciatoie’ alle reali opportunità per i nostri territori. Si conferma la costante e reiterata incapacità della Regione guidata da Zingaretti di legiferare. Questa giunta non riesce a produrre leggi ordinarie e preferisce rifugiarsi nei provvedimenti straordinari con il solo obiettivo di ‘passare la nottata’.
A mio avviso bisogna entrare nel merito di una legge, capire quali siano le esigenze dei territori per renderla uno strumento valido, concreto, a disposizione delle comunità che siamo chiamati a rappresentare.
Sui Consorzi agrari per esempio, si sarebbe dovuti intervenire con l’emanazione di una legge di settore per venire incontro agli interessi dei territori. Invece la giunta ha preferito limitarsi a ridurne il numero da 10 a 4.
Razionalizzare significa avvicinare i servizi ai cittadini e alle imprese, non allontanarli. Dobbiamo lasciare spazio ai territori e non penalizzarli.
Analogamente la Regione Lazio ha deciso di istituire un Consorzio industriale unico, non calcolando che con l’accorpamento non risolviamo certo il nodo dello snellimento delle procedure che le aziende chiedono.
Ci chiediamo poi che fine abbia fatto il testo unico per l’Urbanistica. Un settore dove urge una legge ordinaria che contenga misure reali di semplificazione burocratica, nonché di sviluppo a sostegno di imprese e cittadini. Oggi per un’impresa è fondamentale velocizzare le risposte su iter sempre più complessi soprattutto in materia urbanistica. Per aiutare l’imprenditoria del Lazio occorrono interventi rapidi, concreti e leggi di settore.
L’attuale amministrazione regionale invece cosa fa? Guarda principalmente alle governance delle società, con il rischio reale di trasformare gli enti in poltronifici, senza pensare in alcun modo alle ripercussioni che si avranno per le imprese e per i territori.
E quando prova a ‘legiferare’ fa prevalere la legge della giungla. Basta guardare il provvedimento vergognoso rappresentato dalla sanatoria per gli alloggi abusivi.
In sostanza di cerca di risolvere il problema dell’emergenza abitativa a Roma e nel Lazio destinando le case popolari anche a chi non ha i requisiti. Viene premiato così il più prepotente e non chi ne ha realmente bisogno.
Noi di Forza Italia abbiamo votato contro quello che riteniamo uno schiaffo ai cittadini onesti da sempre rispettosi della legge. Siamo di fronti ad un’altra brutta pagina di quest’amministrazione che da 7 anni non governa, non legifera, ma si limita ad interventi tampone spesso dannosi. E spesso le toppe sono pure peggio dei buchi”.
Lo dichiara in una nota Giuseppe Simeone, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+