domenica 07 Marzo 2021,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Simeone (FI):”Rispetto e stima per Parisi”

scritto da Redazione
Simeone (FI):”Rispetto e stima per Parisi”


“Nutro grande rispetto per la scelta del collega Stefano Parisi di dimettersi da consigliere regionale del Lazio. A lui va la mia stima per il lavoro svolto insieme in questa consiliatura sui banchi dell’opposizione. Stefano ha dimostrato di essere un uomo pratico, pragmatico, con tanta voglia di fare nell’interesse esclusivo dello sviluppo e della crescita delle comunità che rappresentiamo. Con la sua competenza ha rappresentato un valore aggiunto per la coalizione assicurando sempre spirito di sacrificio e abnegazione nel lavoro svolto insieme a tutti i gruppi consiliari del centrodestra. Con lui abbiamo portato avanti una campagna elettorale breve e difficile nel 2018, tutta improntata sui programmi, sulle idee e sulla competenza e solo per un soffio non siamo riusciti a riportare il centrodestra alla guida della Regione Lazio. Ho sperato e lottato affinchè un esponente di valore come Parisi potesse arrivare ad occupare il ruolo di governatore. A mio avviso avremmo avuto una guida certamente all’altezza delle esigenze dei cittadini. Mi auguro che Stefano possa trovare nuovi stimoli e grandi soddisfazioni dalla sua nuova attività.  Con l’occasione voglio dare il benvenuto in Consiglio regionale al subentrato Fabio Capolei, che già nel 2018 ottenne un consenso importante in termini di preferenze con la lista ‘Energie per l’Italia’. Rivolgo a lui le mie più sincere congratulazioni ed esprimo la mia felicità perché dopo diversi anni il territorio di Anzio e Nettuno tornano ad essere rappresentate nella massima assise regionale. Mi auguro di poter lavorare con il nuovo consigliere che sono certo saprà far valere le istanze del suo comprensorio, oltreché ovviamente dell’intera nostra regione”.
Lo dichiara in una nota Giuseppe Simeone, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare

Rispondi alla discussione

Facebook