sabato 13 Luglio 2024,

News

Ξ Commenta la notizia

Sanità regionale. Ok unanime ad atto aziendale sanità locale”

scritto da Redazione
Sanità regionale. Ok unanime ad atto aziendale sanità locale”
“Il commissario Sabrina Cenciarelli sta lavorando per migliorare l’offerta sanitaria nella nostra provincia. Ritengo molto indicativo il fatto che nella recente conferenza sanitaria locale, i rappresentanti di 26 municipalità pontine (ovvero tutti i presenti) hanno espresso parere favorevole all’atto aziendale dell’Asl di Latina.
Nell’atto aziendale abbiamo elementi di novità e nuovi servizi per gli utenti. Si esce dalla logica dell’emergenza e si guarda al potenziamento dell’offerta ospedaliera e territoriale, rafforzando anche il concetto di integrazione tra i due diversi ‘piani’ sanitari. Considero quindi preziosa l’istituzione di un’area funzionale interdipartimentale della Sicurezza alimentare e Sanità pubblica veterinaria. Si tratta di un’area di coordinamento delle unità che agiscono trasversalmente lungo la filiera agroalimentare, un’eccellenza del territorio. Nuovi servizi sono previsti anche per quanto concerne l’assistenza territoriale. Qui il modello, pensato dalla commissaria Cenciarelli per i distretti, si basa sulla configurazione di un Dipartimento unico territoriale, idoneo a migliorare l’integrazione tra le diverse strutture sanitarie, in modo da assicurare un accesso semplificato e una risposta coordinata e continua ai bisogni dei cittadini, più adeguata a un bisogno di salute di quello specifico territorio.
Da sempre dico che occorre fare squadra e ascoltare le istanze del territorio. Solo creando una forte sinergia tra istituzioni regionali, enti comunali e Asl di Latina si potranno affrontare seriamente i problemi della sanità locale e porre le basi per soluzioni concrete per la nostra provincia”.
Lo dichiara in una nota Enrico Tiero, presidente della commissione Sviluppo economico e Attività produttive, nonchè membro della commissione Sanità del Consiglio regionale del Lazio

I commenti non sono chiusi.

Facebook