sabato 17 novembre 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Politica

Ξ Commenta la notizia

Sanità regionale: migliora la situzione degli accessi nei PS

scritto da Redazione
Sanità regionale: migliora la situzione degli accessi nei PS

 Accessi ai pronto soccorso: nei primi tre giorni del 2018 un lieve miglioramento rispetto allo stesso periodo nello scorso anno. Dalla rilevazione che si effettua quotidianamente alle ore 14  è emerso che in tutte le strutture romane gli accessi sono in totale 4017 contro i 4.137 dello stesso periodo dello scorso anno.  1.063 i pazienti in attesa di ricovero o trasferimento contro i 1.090 del 2017.

Un lieve miglioramento che si verifica nonostante il picco influenzale: quest’anno il Lazio è tra le regioni più colpite in Italia per i casi di influenza con un’incidenza di 14 casi ogni 1.000 assistiti. Si ricorda che si è ancora in tempo per la vaccinazione anti influenzale, gratuita per gli over 65. Anche l’andamento della sosta superiore ai 30 minuti dei mezzi del 118 (rilevamento effettuato dal 20 dicembre 2017 al 3 gennaio 2018) dimostra un decremento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Aumentati gli invii in Pronto soccorso da mezzi del 118: dai 7.760 nello scorso anno a 7.805 di quest’anno.

Numerose le misure messe in campo per fronteggiare l’emergenza e limitare le difficoltà dovute all’elevato numero di accessi:

  • l’invito a tutte le strutture a dimettere i pazienti 7 giorni su 7, compresi sabato e domenica
  • l’apertura di 29 ambulatori medici di famiglia il sabato e la domenica, compresi i giorni festivi (aperti anche nelle giornate del 6 e del 7 gennaio)
  • l’apertura di tre presidi per i pediatri di libera scelta il sabato, la domenica e i giorni festivi (aperti anche nelle giornate del 6 e del 7 gennaio)
  • l’accordo con tutte le strutture private presenti sul territorio per la gestione dei trasferimenti

Si ricorda a tutti l’importanza di recarsi al pronto soccorso solo in caso di emergenza rivolgendosi, per i casi non gravi, al medico di famiglia o al pediatra.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+