sabato 20 ottobre 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

News

Ξ Commenta la notizia

San Felice Circeo. Ripulitura del Cristo del Circeo terminata

scritto da Redazione
San Felice Circeo. Ripulitura del Cristo del Circeo terminata

E’ stata completata l’opera di ripulitura e restauro del Cristo del Circeo, la statua in bronzo divenuta simbolo di San Felice, rimasta sommersa alla Secchitella, al Largo di Torre Fico, per 25 anni e fatta riemergere ad ottobre per evitare che, senza cure adeguate, si deteriorasse. “Come si può vedere dalle foto, quando l’abbiamo recuperata dal fondale, a 18 metri di profondità, era completamente coperta di concrezioni marine e in qualche punto anche danneggiata dall’azione delle correnti. Oggi è come nuova”, dicono Marco Sottoriva e Sandro Signoriello, i subacquei che in accordo con l’Amministrazione comunale hanno curato il recupero.
La statua è stata affidata alle cure dell’artista Ignazio Colagrossi, che ha effettuato la complessa opera di ripulitura, il restauro e la lucidatura che ha restituito al Cristo del Circeo la brillantezza originaria. Quindi è stato realizzato dal fabbro Vittorino Caissutti un nuovo basamento in bronzo che sarà ancorato al plinto di cemento sui cui è fissata la statua quando è sommersa, rendendola più alta e quindi più visibile. Come previsto, la scultura sarà ora esposta al pubblico, perché cittadini e turisti, le nuove generazioni che non l’hanno mai ammirata dal vivo, e tutti coloro che non hanno familiarità con le immersioni subacquee, possano vederla.
Il primo passaggio ieri mercoledì 20 dicembre, quando è stata trasferita nella Chiesa di Santa Maria degli Angeli: “Daremo al Cristo del Circeo un posto d’onore. Lo veleremo d’azzurro coprendolo con un telo per scoprirlo il 25 dicembre nel corso della Messa di Natale delle 10,30 – spiega il parroco Don Carlo Rinaldi – In seguito concorderemo con il sindaco Giuseppe Schiboni gli spostamenti negli altri luoghi della città che da qui al 25 aprile ospiteranno la statua”.

 

Roberta Colazingari

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+