venerdì 03 aprile 2020,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Regione

Ξ Commenta la notizia

Roma&Lazio. La politica, le opinioni, i fatti

scritto da Redazione
Roma&Lazio. La politica, le opinioni, i fatti

ATER, PALOZZI (FI): “GRAVE IMMOBILISMO DEL PRESIDENTE ZINGARETTI”
Quello di oggi con dipendenti e parti sociali si è rivelato un incontro utile per denunciare ancora una volta il grave immobilismo della Regione Lazio nel settore delle politiche abitative, attanagliato da una serie di pesanti criticità, che presidente Zingaretti e assessore Refrigeri non sono ancora riusciti minimamente a risolvere. Anziché pensare alle poltrone da elargire o all’illogico progetto di accorpamento delle Ater del Lazio, è compito di questa giunta regionale mettere in campo una reale e concreta programmazione tesa alla risoluzione dell’emergenza Casa nella nostra regione”. Così in una nota il consigliere regionale FI e vicepresidente commissione Politiche abitative, Adriano Palozzi, a margine del sopralluogo odierno presso l’Ater di Viterbo insieme al gruppo Forza Italia della Regione Lazio.


SANITÀ, PALOZZI (FI): “ANCORA CAOS PS E ZINGARETTI TACE”
Anche oggi cronache stampa e sindacato infermieri parlano di pronto soccorso nel caos e pazienti costretti ad aspettare lungamente per avere un posto letto: sarebbero stati addirittura 318 quelli in attesa qualche minuto dopo mezzogiorno. Capisco il picco stagionale di influenza, capisco che questa emergenza sanitaria non si risolve in poche ore, ma è davvero inammissibile che ai soliti annunci zingarettiani non seguano fatti concreti e reali. Quanto sta accadendo in queste settimane negli ospedali romani infatti rappresenta il fallimento della programmazione sanitaria dell’amministrazione di centrosinistra. Un fallimento sotto gli occhi di tutti, soprattutto di utenti e lavoratori del comparto, i primi a subire l’inefficienza organizzativa dell’aleatorio Zingaretti. Che giusto la scorsa settimana annunciava ulteriori 100 infermieri per il potenziamento dei pronto soccorso. Sarebbe decisamente il caso di stringere i tempi”. Così il consigliere regionale FI, Adriano Palozzi.


SANITÀ. ZINGARETTI: ECCO BIBLIOTECA ONLINE PER OPERATORI
Un glossario con circa 300 voci, link, schede delle principali riviste biomediche, notizie con segnalazioni di articoli, check-list per la valutazione critica della letteratura scientifica. Nasce online la Biblioteca Alessandro Liberati (Bal), uno strumento di supporto agli operatori sanitari, presentata oggi dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, insieme a Marina Davoli, direttore del Dipartimento Epidemiologia del sistema sanitario regionale e Luca De Fiore, direttore del Pensiero Scientifico Editore. La biblioteca online, intitolata ad Alessandro Liberati, celebre medico epidemiologo e ricercatore scomparso nel 2012, ha il compito di guidare a un uso consapevole e ácritico delle fonti di informazione professionale, attraverso la lettura e la corretta interpretazione. L’obiettivo e’ motivare gli operatori del sistema sanitario a una frequentazione costante e razionale della letteratura medico-scientifica autorevole, facilitare l’accesso alle conoscenze scientifiche e sviluppare un luogo di confronto e di scambio tra gli operatori. “E’ un’iniziativa importante perche’ rientra nel quadro organico di ricostruzione di un modello di sanità -ha detto Zingaretti- Nell’era del web si pone forte il tema della certezza delle fonti e dell’influenza che provoca sui cittadini. Oggi inaugurare un luogo di diffusione della conoscenza è quindi una parte importante nella costruzione del nostro modello di sanita’. Supportare gli operatori e facilitare l’accesso alle nozioni puo’ fare la differenza“. “Questa biblioteca vuole aiutare i professionisti a orientarsi nel labirinto informativo e distinguere la buona dalla cattiva informazione” ha sottolineato Davoli, mentre De Fiore ha evidenziato come “sono otto anni che proviamo a far partire questo progetto e non e’ un caso che accada ora con questa amministrazione regionale”.


Marino contro l’Eur: sesso a gogò e svendita palazzi storici
STRADE A LUCI ROSSE E SVENDITA IMMOBILI STORICI DI ARCHITETTI DI FAMA MONDIALE PER FARE CASSA
L’insipienza dell’amministrazione Marino colpisce uno dei quartieri migliori della nostra città con proposte ipocrite e progetti insensati: l’Eur, individuato come il primo quartiere ‘bordello’, che tra i primi vede svendere un patrimonio di edifici storici, universalmente noti e ammirati”. Lo sostiene il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “la mannaia Marino e sodali, va avanti con idee improponibili, ignorando che, nel nostro Paese esistono le leggi. La prima, sullo sfruttamento della prostituzione, impedisce qualsiasi bonaria concessione al racket del sesso, incluse le vie della ‘tolleranza’, come vorrebbe imporre il sindaco, con l’accordo di un presidente di municipio, Andrea Santori del IX che sostiene di non avere possibilità di affrontare il problema rasentando il ridicolo. L’altro aspetto inquietante è la possibilità che siano svenduti tutti gli immobili di pregio, inseriti nel programma di dismissione immobiliare dei palazzi storici. Una idea folle tra l’altro proibita dalla legge 42 del 2004 ‘Codice del paesaggio e dei beni culturali’ che vieta l’alienazione di beni pubblici che per il loro carattere rappresentino in modo rilevante la storia dell’arte, della cultura, della letteratura e della storia nazionale. Oltre che di risorse economiche, i nostri amministratori avrebbero bisogno di una minima conoscenza delle norme a tutela della comunità e salvaguardia della nostra città”, conclude il presidente.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+