mercoledì 14 Aprile 2021,

Regione

Ξ Commenta la notizia

Roma&Lazio. La comunicazione politica del centrodestra

scritto da Redazione
Roma&Lazio. La comunicazione politica del centrodestra

AEROPORTO CIAMPINO, AUDIZIONE E INTERROGAZIONE DI PALOZZI(FI): “DEL TAVOLO TECNICO RIMANGONO SOLO PAROLE?”

“Oggi ho depositato un’interrogazione sul futuro dell’aeroporto di Ciampino. Nel documento chiedo a Zingaretti, Refrigeri e Civita quali atti vogliano mettere in campo per arrivare all’immediata riduzione del numero dei voli al “G.B.Pastine” per la massima compatibilità ambientale tra aeroporto e territorio. Sono anni che i comuni di Ciampino e Marino, sostenuti dai Comitati cittadini, si battono per la tutela della salute collettiva nelle zone limitrofe allo scalo, messa a dura prova dall’inquinamento causato dal traffico aereo, come certificato da molteplici e allarmanti studi epidemiologici. Ora si è messa in mezzo anche Adr, che ha snocciolato uno pseudo piano di contenimento del rumore, ufficialmente cassato dai Comuni di Roma, Ciampino e Marino. Pure la Regione, nell’audizione dell’11 febbraio, ha dato ragione alle istanze municipali e cittadine, sollecitando la costituzione di un tavolo tecnico. Dichiarazioni, quelle di Refrigeri e Civita, rimaste però al momento solo carta straccia. Mi chiedo: perché non è seguito ancora nulla di concreto al tavolo tecnico? Mi auguro che la risposta possa giungere nell’audizione in commissione Ambiente che ho richiesto oggi, a cui prenderanno parte comitati e istituzioni, Adr e Enac. Sono anni che procediamo insieme oltre gli steccati politici: la Regione eviti ulteriori tentennamenti e riconduca l’aeroporto di Ciampino agli standard di legge”. Così il consigliere regionale Fi e vicepresidente commissione Ambiente, Adriano Palozzi.

MUNICIPIO X. GRAMAZIO(FI)”RIPRISTINARE LEGALITA’ DOPO PAROLE MALARA
Gravissimo quanto denunciato da Pietro Malara: un vero scandalo. Le autorità ripristinino immediatamente la legalità e la massima correttezza, in modo da riparare questa indecenza. Malara, a cui siamo a fianco in questa battaglia, venga riammesso in consiglio municipale“. Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Luca Gramazio.

X Municipio, Quarzo – Rasi (FI) «Si faccia immediatamente chiarezza su vicenda Malara
«È urgente che le autorità facciano immediatamente chiarezza su una vicenda che definire assurda, al limite dell’indecente, ci sembra eufemistico. Quanto denunciato da Pietro Malara, consigliere del X Municipio decaduto ad ottobre scorso dopo un ricorso vinto sulla base di verbali di operazioni di voto che sembrebbero essere stati contraffatti, è gravissimo. Se così dovesse essere, ci troveremmo di fronte ad un atto che mortificherebbe la democrazia e altererebbe il volere dei cittadini del territorio. È una vergogna. Chi di dovere faccia immediatamente chiarezza, ripristini la legalità su una storia dai tratti inquietanti. A Malara la nostra piena vicinanza». È quanto dichiarano il capogruppo FI di Roma Capitale, Giovanni Quarzo, e il consigliere del X Municipio, Cristiano Rasi.

ATAC. AURIGEMMA (FI)”UNICA ALLOCAZIONE SBAGLIATA E’QUELLA DELL’ASSESSORE IMPROTA”
L’unica diversa allocazione che servirebbe ad Atac per salvare l’azienda è quella dell’assessore Improta. E’ ormai trascorso quasi un anno, caratterizzato da annunci poi rinviati, promesse non mantenute che continuano ad essere fatte senza che a tutt’ora ci sia una programmazione e una strategia sulla quale confrontarsi con i lavoratori, i sindacati, e gli enti preposti al finanziamento dell’azienda. E’ inutile continuare a scaricare le proprie responsabilità su altri enti come la Regione, che si sta facendo carico con le residue risorse che le arrivano dallo Stato di finanziare il trasporto pubblico locale della città di Roma. E tutto questo mentre l’azienda, i giorni dispari si lamenta di avere un esubero di personale e i giorni pari continua ad assumere dirigenti esterni, come il caso emblematico del direttore del personale, senza attingere alle tante professionalità interne. Scelta, quest’ultima, che ha addirittura suscitato l’interesse della Corte dei Conti. A tutt’oggi, nonostante l’impegno profuso dalla regione Lazio, l’assessore Improta non ha ancora recapitato, cosi come promesso all’assessore regionale al bilancio, il piano industriale dell’azienda che doveva essere presentato il 31 dicembre 2013.
Non è mio interesse strumentalizzare politicamente la situazione dell’azienda che rappresenta la città di Roma, ma penso sia il caso che qualcuno faccia un bagno di umiltà e cerchi di superare questo momento difficile attraverso l’apporto e il contributo di tutte le forze politiche e sociali. Visto che qui è in gioco, non l’egocentrismo e le ambizioni personali di un assessore comunale, ma è in gioco il futuro di un azienda che rappresenta la città di Roma”. Lo dichiara il consigliere di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma.

Rispondi alla discussione

Facebook