domenica 05 luglio 2020,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Roma, “emergenza abitativa, mentre Zingaretti legalizza l’occupazione del patrimonio Ater”

scritto da Redazione
Roma, “emergenza abitativa, mentre Zingaretti legalizza l’occupazione del patrimonio Ater”

“Il ‘collegato approvato in consiglio regionale è stato portato avanti in maniera  sciatta  e scomposta, con la solita forzatura del  maxi subemendamento che ha di fatto  tagliato le gambe alla discussione e al confronto”. Lo dichiara il consigliere regionale di FDI Massimiliano Maselli. “L’emergenza abitativa è un tema molto serio da affrontare, che richiede una grande riforma delle politiche abitative  e investimenti  importanti per dare risposte efficaci alle fasce di cittadini più deboli. Invece si va avanti con norme assai discutibili infilate nel ‘collegato’, come quella che di fatto istituzionalizza l’occupazione abusiva. Quando infatti viene stabilito che le Asp (le vecchie Ipab) possono riservare una quota non superiore al 15 per cento del proprio patrimonio immobiliare disponibile a chi non è in possesso dei titoli per accedervi e che i comuni e le Ater possono assegnare di un ulteriore 10 per cento gli alloggi da destinare sempre a chi non ne ha diritto, Zingaretti sta implicitamente legalizzando chi occupa una casa, un appartamento, uno stabile. Alla faccia della legalità! Invece di mettere i comuni nelle condizioni di acquistare nuovi alloggi per dare risposte all’emergenza abitativa si segue la strada della sanatoria calpestando i diritti di chi legittimamente aspetta di avere un alloggio. Altrettanto  grave è la norma sempre inserita nel ‘collegato’ che dà mandato all’Ater di ‘svendere’ il patrimonio di pregio ai conduttori con sconti inauditi, fino al del 30 per cento del proprio valore  che può aumentare di un ulteriore 20 per cento nel caso in cui ci siano stati lavori di ristrutturazione. Quindi, in pratica,  un immobile del valore di 300mila euro potrebbe essere ceduto, direi regalato, al conduttore per 150mila euro, cioè con un 50% in meno rispetto al proprio valore. E’ assurdo. Questo significa svendere il patrimonio Ater. E queste sono solo alcune malefatte  presenti nel collegato  – conclude Maselli –  le altre avremo presto  modo di raccontarle.”

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+