giovedì 21 Gennaio 2021,

Regione

Ξ Commenta la notizia

Roma – comunali, Storace inizia la battaglia

scritto da Redazione
Roma – comunali, Storace inizia la battaglia

Nel silenzio più totale, Zingaretti sta per varare in Regione una riforma che cancellerà ogni traccia di poteri a Roma. In commissione sta discutendo la legge di attuazione della cosiddetta riforma Delrio, con cui si attribuiranno enormi poteri alle Province che a parole non ci sono più, ma che nei fatti tornano a nuova vita seppellendo ogni speranza di semplificazione della vita per cittadini e imprese della capitale e azzerando un dibattito ultraventennale sui suoi poteri“. Così, in una nota, Francesco Storace, vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e candidato Sindaco di Roma.
I poteri a Roma li tolgono, non li danno, rimandando ad un carrozzone, una specie di conferenza istituita dalla giunta regionale, il da farsi in epoca successiva all’approvazione della legge – prosegue la nota – La battaglia sarà durissima: depositeremo emendamenti mirati invece a conferire nuove funzioni a Roma. E vedremo come si comporterà la maggioranza di sinistra nella discussione che comincerà in commissione a partire dalla prossima settimana. Li sfideremo – dice Storace su Il Giornale d’Italiasui poteri concreti: sulla sicurezza, su un piano straordinario per l’illuminazione della città, sulla lotta all’abusivismo commerciale; sulla garanzia ai cittadini italiani si accesso ai servizi sociali e alle case popolari prima che agli stranieri; sui poteri in tema di politica dei rifiuti; chiederemo di affidare alla Capitale la gestione delle linee ferroviarie Roma-Lido e Roma-Pantano; trasferiremo con i nostri emendamenti i poteri regionali sull’urbanistica direttamente al Campidoglio, inclusa l’istituzione del mutuo sociale; norme precise per evitare danni irreparabili al commercio romano con l’applicazione della direttiva comunitaria Bolkestein. In tutto questo, il M5S diserta i lavori di commissione persino su un argomento di incredibile portata per la città che dicono di voler governare“.

Rispondi alla discussione

Facebook