mercoledì 20 febbraio 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Roma. “Al Gemelli … l’era dei miracolati”

scritto da Redazione
Roma. “Al Gemelli … l’era dei miracolati”

In questi anni lo stato di salute della sanità pubblica laziale ha fatto impegnare fiumi d’inchiostro ai giornali e un monte ore monstre in trasmissioni tv e radio.

Per questo segmento fondamentale della convivenza civile sono passati sotto la lente d’ingrandimento politici e amministratori delegati delle asl (oltre ai responsabili degli ospedali convenzionati con il sistema sanitario nazionale), e pochi in verità chi ha superato le critiche mosse.

Di questo non eccelso percorso, non si salvano neanche alcuni inadeguati comportamenti di: medici, paramedici e impiegati ai vari livelli di collaborazione.

La questione sanità, dunque, aprirebbe anche per noi scenari di critica che non vogliamo oltre misura promuovere, ma a tutto c’è un limite.

E questo limite lo riteniamo varcato dal sistema organizzativo del servizio di prenotazione e sala prelievi dell’ospedale Agostino Gemelli di Roma, dove evidentemente è di casa tutt’altra cosa.

Fatto che si somma poi al vulnus comportamentale di alcuni operatori addetti che appellano gli utenti come miracolati per il servizio che sarà reso, invece che soggetti aventi un diritto inalienabile, oltre che al momento fisicamente e psicologicamente in difficoltà.

  1. Miracolati forse perché giunti nell’orario indicato 7,35 – 10 del mattino?
  2. Miracolati forse perché arrivati nella Capitale, vivi, dopo un viaggio allucinante sulla 148 Pontina (o da altre strade, anche romane), ridotta ai minimi termini in fatto di corretta manutenzione e dal terrificante carico veicolare?
  3. Miracolati forse per aver trovato un parcheggio auto libero, dopo soltanto 40′ di allucinante ricerca e pagando infine un oneroso ticket?
  4. Miracolati forse per aver trovato personale non collaborante e chi, invece, ancora rimasto “umano” che ti offre la possibilità di superare gli ostacoli frapposti da un’impraticabile organizzazione del lavoro, con annesso muro di gomma di personale inverosimile?
  5. Miracolati, lo sapremo, infine, se le analisi particolari che abbiamo dovuto fare sono state prodotte da chi ha prelevato il plasma come protocollo impone (e tal proposito ho qualche dubbio, ma vi renderò edotti).

Se la sanità pubblica – per chiudere – non ritrova lo spirito di stare al servizio del cittadino in stato di bisogno e non esce dalla nefasta logica della forsennata quadratura del bilancio, non ci sarà alcuna positiva speranza di affrancamento per nessuno.

Ripeto, nessuno: operatori e pazienti compresi.

Altro che Miracolati, Cari lavoratori del Cup e della Sala prelievi del “Gemelli”.

 

Lettera firmata

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+