venerdì 16 novembre 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Rocca Massima e l’emergenza storni

scritto da Redazione
Rocca Massima e l’emergenza storni

“L’emergenza storni rischia di radere al suolo le coltivazioni di oliva itrana nel Comune di Rocca Massima e nell’area dei Monti Lepini. Per evitare che decine e decine di aziende agricole perdano il frutto dei propri sacrifici e del proprio lavoro serve un intervento immediato e straordinario da parte della Regione Lazio. Con questo obiettivo, messo a conoscenza dal sindaco di Rocca Massima della sua richiesta inoltrata per essere audito in commissione regionale agricoltura, ho, in qualità di componente della stessa, sollecitato tale richiesta al presidente Fichera certo che coglierà questa opportunità per ascoltare e conoscere direttamente dalla voce di chi, come il sindaco Tomei, ogni giorno vive questa emergenza che grava sul territorio, la situazione in atto e, soprattutto, i danni che le aziende agricole hanno subito e subiranno se non si interviene urgentemente. Della tematica avevo già interessato, con ben due note, l’ assessore regionale all’agricoltura Carlo Hausmann ma, purtroppo, ad oggi non abbiamo ancora ottenuto alcuna risposta. Per questa ragione, perché tale emergenza non può passare nel silenzio, e considerato che tale specialità di olive raggiunge la massima maturazione nei mesi di febbraio e marzo, periodo in cui risultano essere più incisivi gli attacchi da parte degli storni che devastano colture e raccolti, attendere ulteriormente non è possibile. Quello che gli agricoltori e le istituzioni locali chiedono è un atto di responsabilità e un sostegno concreto da parte della Regione ad una problematica che se non risolta con interventi straordinari, rapidi e risolutivi metterà ulteriormente a rischio la sopravvivenza delle aziende agricole già gravate dalla pesante crisi economica in corso”.

Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+