mercoledì 12 Maggio 2021,

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio. Operazione Ossigeno, 6 milioni di euro per 18 progetti in provincia di Latina. All’appello manca Terracina

scritto da Redazione
Regione Lazio. Operazione Ossigeno, 6 milioni di euro per 18 progetti in provincia di Latina. All’appello manca Terracina

La Regione Lazio ha qualche giorno fa approvato le graduatorie del progetto “Ossigeno”.

Grazie a una somma complessiva di 6 milioni di euro, che mette insieme i fondi stanziati nel 2020 e nel 2021, è possibile finanziare tutti i progetti presentati che sono entrati a far parte della graduatoria finale per ciascun lotto geografico.

In totale sono stati ammessi a finanziamento 100 progetti. Nel dettaglio, 28 saranno realizzati nella provincia di Frosinone, 18 in quella di Latina, 4 in provincia di Rieti, 12 a Viterbo, mentre nella provincia di Roma saranno 31 e nel territorio di Roma Capitale 8.

A conclusione della piantumazione, che avrà inizio nel mese di maggio, su tutto il territorio regionale saranno piantati 42mila tra alberi e arbusti che in media compenseranno circa 4.000 tonnellate all’anno di CO2.

Grazie all’impegno dei territori che hanno saputo presentare progettualità dall’alto valore ambientale il Lazio si arricchirà di un’architettura verde contribuendo enormemente al benessere del paesaggio e dei cittadini.

Amministrazione regionale, Comuni, Associazioni, Enti pubblici e privati, cittadini hanno lavorato insieme per la creazione di nuovi spazi verdi che faranno da sfondo a un disegno estremamente rispettoso del territorio.

PROGETTI FINANZIATI IN PROVINCIA DI LATINA

– Comune di Formia

– Comune di Sabaudia

– Comune di Sermoneta

– Comune di Fondi

– Comune di Lenola

– Istituto Istruzione Scolastico Teodosio Rossi

– Comune di Latina

– Comune di Sonnino

– Comune di Spigno Saturnia

– Comune di Monte San Biagio

– Comune di Cori

– Comune di Aprilia

– Comune di Minturno

– Comune di Priverno

– Comune di Roccagorga

– Comune di Sezze

– Comune di Castelforte

– Comune di Rocca Massima

I commenti non sono chiusi.

Facebook