venerdì 19 ottobre 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Regione

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio. La battaglia sui PPI continua

scritto da Redazione
Regione Lazio. La battaglia sui PPI continua

”Punti di primo intervento, disabilita’, mutuo sociale e immigrazione”: questi gli argomenti trattati nei giorni scorsi in Consiglio regionale del Lazio fra una delegazione dei giovani leghisti della provincia di Latina e il capogruppo del Carroccio Orlando Tripodi.

Tripodi ha annunciato che ”la Lega ha presentato una mozione per salvaguardare non solo i sette Ppi della provincia di Latina, ma ha chiesto il loro potenziamento attraverso posti di breve degenza e ambulatori specializzati”, con la speranza che ”quest’iniziativa sia approvata dall’Aula e venga modificato il decreto ministeriale 70/2015, voluto dal governo Renzi, per il quale non s’e’ opposto ne’ Nicola Zingaretti ne’ il Pd”.

Soddisfazione e’ stata espressa sia dal coordinatore della Lega di Sezze Roberto Reginaldi, attivissimo per la difesa del Ppi anche quando era consigliere comunale, che quello del movimento giovanile, Kevin Reiter.

”Condividiamo la mozione della Lega regionale – spiegano Reginaldi e Reiter – per non ridurre ulteriormente l’offerta sanitaria ma anche per drenare gli accessi nei pronti soccorso degli ospedali limitrofi, che sono al collasso dopo la chiusura dei nosocomi di Cori, Sezze e Priverno”.

Infine i giovani della Lega hanno avuto modo di confrontarsi sui punti deboli dell’accoglienza migratoria delle citta’ pontine e su alcune delle attivita’ promosse dai consiglieri leghisti: la mozione per assicurare l’assistenza universitaria agli studenti autistici e sordomuti insieme ai testi scolastici Braille per i ciechi e ipovedenti; l’inserimento dell’erosione costiera nella XII commissione e gli emendamenti presentati nel collegato; il rifinanziamento del mutuo sociale per garantire una casa a chi non ne ha; il potenziamento della videosorveglianza nelle periferie; il progetto di rilancio dell’agricoltura e dell’agroalimentare.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+