sabato 20 luglio 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio. Con la Centrale Acquisti risparmiati 4 milioni di euro

scritto da Redazione
Regione Lazio. Con la Centrale Acquisti risparmiati 4 milioni di euro

La Regione Lazio nell’ultimo triennio 2015-2018 grazie all’attività della Centrale Acquisti ha ottenuto risparmi per quasi 4 milioni di euro. Sono state effettuate in totale 41 iniziative di gara suddivise in tre macro aree: Beni, servizi e dispositivi medici; Farmaci e vaccini; Beni e servizi per le strutture sanitarie. “Si tratta di un’attività di efficientamento molto importante e che produce consistenti risparmi per l’intero sistema sanitario – ha commentato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – risorse che possiamo reinvestire per migliorare i servizi e la qualità dell’assistenza sanitaria”. “Grazie alla centrale unica per gli acquisti possiamo aggregare e ottimizzare le risorse a disposizione per gli acquisti ottenendo risultati migliori mantenendo sempre alti gli standard qualitativi” ha commentato l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Nello specifico per quanto riguarda i Beni, servizi e i dispositivi medici nell’ultimo triennio dal 2015 la Regione Lazio ha espletato 15 gare ottenendo risparmi per 592 mila euro e tra queste i maggiori risparmi hanno riguardato il multiservizio tecnologico sanitario, gli ausili per l’incontinenza e i rifiuti speciali.

Per i Farmaci e i vaccini sono state aggiudicate 17 gare con risparmi per un totale di 704 mila euro e tra queste i maggiori risparmi hanno riguardato la spesa farmaceutica derivante dai farmaci innovativi e dall’alto costo.

Per quanto riguarda i Beni e i servizi per le strutture sanitarie della Regione Lazio sono state aggiudicate 9 gare con risparmi per oltre 2,6 milioni di euro e tra queste i maggiori risparmi hanno riguardato le coperture assicurative e la piattaforma di e-procurement.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+