lunedì 18 novembre 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Sanità. Censimento sui precari e più assunzioni

scritto da Redazione
Sanità. Censimento sui precari e più assunzioni

“Ritengo quanto mai necessario procedere ad una ricognizione del personale precario di tutte le Asl del Lazio. Per questo chiederò alle aziende sanitarie una ricognitiva sui numeri reali dei collaboratori professionali sanitari non ancora stabilizzati. Condivido inoltre l’opportunità che si superi, per ciò che concerne i servizi infermieristici e sanitari, la cosiddetta ‘esternalizzazione’, attraverso la prosecuzione e l’incremento dei concorsi pubblici nelle aziende sanitarie per l’assunzione a tempo indeterminato delle figure necessarie all’assistenza e la cura delle persone. In tal senso è fondamentale uniformare i comportamenti delle varie Asl laziali. E’ giusto seguire il ‘modello’ Sant’Andrea, dove non è stata necessaria la prova di preselezione e si è passati direttamente per la fase concorsuale”. Giuseppe Simeone, consigliere regionale di Forza Italia e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sanitaria e welfare, interviene sull’audizione congiunta con la IX commissione Lavoro, con all’ordine del giorno le problematiche connesse al personale precario impiegato nel servizio sanitario regionale. Per l’occasione sono state ascoltate le organizzazioni sindacali, l’assessore al Lavoro Claudio Di Berardino ed il capo della segreteria dell’assessore alla Sanità, Egidio Schiavetti. “Quello delle risorse umane nel campo sanitario è un tema cruciale –afferma Simeone- a mio avviso è fondamentale tenere presente alcuni numeri importanti. Nel Lazio dal 2001 al 2016 si sono persi oltre 10.000 posti di lavoro nel comparto sanitario. Occorre aggiungere che 2.500 circa sono state le uscite tra il 2016 e il 2018 e altri 7.500 sono destinati alla pensione nel quinquennio 2018-2023. Dopo il lungo periodo caratterizzato dal blocco del turn over e l’introduzione di quota 100 si accentuerà ulteriormente il problema legato all’uscita di personale del comparto, andando a creare ulteriori disagi ad una sanità laziale in grande affanno, per non dire vicina al collasso. È essenziale quindi procedere ad uno sforzo straordinario per sbloccare concorsi, procedere alle stabilizzazioni, investire maggiori risorse e accelerare i processi. Servono misure urgenti per adeguare il personale e rendere i reparti pienamente funzionanti. Da troppo tempo va avanti una situazione insostenibile per una parte consistente del personale ospedaliero di tutte le Asl del Lazio. Tante le professionalità che hanno dovuto fare sacrifici per colmare i tanti gap esistenti nella sanità, garantendo l’erogazione di prestazioni fondamentali di assistenza ai nostri cittadini. In troppi chiedono ancora risposte chiare. Mi riferisco in particolare a medici, infermieri e tutti gli operatori sanitari ancora precari. Esistono persone che hanno lavorato senza risparmiarsi mai un giorno, tra turni massacranti e i limiti imposti dalle carenze insite purtroppo nella sanità del Lazio, che meritano di avere accesso al proprio futuro dopo anni di incertezze. Bisogna perciò preservare un patrimonio, fatto di uomini e donne, che a causa di quanto accaduto si stanno confrontando con una inaccettabile mortificazione e una mancanza di certezze per il proprio futuro. Un patrimonio di professionalità che, per dei cavilli burocratici, non possiamo permetterci di disperdere. Non esistono precari di serie A e di serie B. E proprio per questo motivo intendo battermi affinchè vi sia chiarezza sulle stabilizzazioni nella sanità”.

Giuseppe Simeone

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+