sabato 26 maggio 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Regione

Ξ Commenta la notizia

Regione Lazio. A 40 anni dalla legge Basaglia, il punto sulla salute mentale

scritto da Redazione
Regione Lazio. A 40 anni dalla legge Basaglia, il punto sulla salute mentale

40° anniversario della Legge 180: L’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato si è recato in visita questa mattina presso il Centro Diurno Villa Lais accompagnato dal Direttore generale della Asl Roma 2,  Flori Degrassi.

Nel corso della visita l’assessore ha incontrato i pazienti, le famiglie e gli operatori. Un’occasione importante per verificare lo stato delle cose e le criticità. La Regione è al lavoro per realizzare all’interno del sistema sanitario regionale un vero e proprio Piano triennale della Salute mentale.

Ad oggi sono stati aperti 91 posti letto nelle REMS (Residenza per l’Esecuzione delle Misure di Sicurezza), con l’assunzione di 130 operatori. Operativi i 3 nuovi SPDC (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura) di Tor Vergata, Monterotondo e Colleferro e sta per aprire anche l’SPDC DEl San Filippo Neri implementando così di 46 posti letto la disponibilità per le emergenze psichiatriche.

“Un percorso partecipato con l’obiettivo di potenziale qualitativamente il sistema dell’assistenza territoriale di cui Villa Lais rappresenta una riferimento importante. Durante la visita ho inoltre potuto constatare le numerose attività che si svolgono con i pazienti nel Centro come il bellissimo laboratorio tessile – parole dell’assessore alla sanità Alessio D’Amato, che ha aggiunto: nell’ultimo periodo abbiamo assunto a tempo indeterminato 75 psichiatri e completeremo il piano di stabilizzazione del precariato entro la fine del 2018. Stiamo inoltre siglando un nuovo protocollo per le emergenze con l’Ares 118 per ridefinire la gestione degli interventi di soccorso primario sanitario e di trasporto dei pazienti con patologia psichiatrica- ha detto ancora D’Amato”.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+