lunedì 19 Aprile 2021,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Priverno. “Il progetto della raccolta differenziata è del Comune”

scritto da Redazione
Priverno. “Il progetto della raccolta differenziata è del Comune”

Si torna a parlare di raccolta differenziata. Lo si fa in relazione ad un progetto presentato dal Comune di Priverno lo scorso anno con il quale si rispondeva ad un bando provinciale e del quale, qualche tempo fa, sulla stampa locale si era parlato omettendo, in qualche modo, il diretto coinvolgimento del Comune nella realizzazione dello stesso.
A fare chiarezza è l’assessore all’ambiente, Bruno Silvagni.
“Il Comune di Priverno – chiarisce Silvagni – un anno fa ha redatto e presentato all’amministrazione provinciale un progetto sulla differenziata in seguito alla pubblicazione di un bando sulla ‘Incentivazione alla riduzione, al recupero e alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani’ puntando all’implementazione del servizio di raccolta differenziata. L’ufficio comunale di riferimento ha elaborato un progetto per l’acquisto di materiali che potevano essere utili a tal fine, quali contenitori per l’immondizia ma anche cesti di dimensioni più ridotte soprattutto per il centro storico e mezzi ed attrezzature per migliorare il servizio di raccolta. Il Comune, a seguito della presentazione dello stesso, ha ottenuto un finanziamento di € 120.000,00”.
E un’implementazione del servizio c’è stata. Silvagni fa notare con soddisfazione, infatti, che da quando la raccolta differenziata è partita si è registrato un notevole incremento che ha portato la percentuale a crescere dal 4 al 13- -20%
Un dato certo di non poco conto che attesta non solo il miglioramento oggettivo del servizio di raccolta ma anche il fatto che i cittadini cominciano ad abituarsi all’idea e a praticarla con maggiore elasticità e senso civico.
Per tutti questi motivi – conclude Silvagni – un po’ di chiarezza andava fatta perché è vero che l’amministrazione provinciale ha finanziato il progetto ma è pur vero che si tratta di un progetto elaborato dai nostri uffici di competenza, supervisionato dall’assessorato comunale. Tutto il resto sono solo chiacchiere e, dato il momento particolare, mi viene da pensare ai fini della campagna elettorale”.

Rispondi alla discussione

Facebook