mercoledì 08 Dicembre 2021,

Eventi

Ξ Commenta la notizia

Priverno, il 1° novembre commemorazione dei defunti, gli eventi in programma

scritto da Redazione
Priverno, il 1° novembre commemorazione dei defunti, gli eventi in programma

Nella ricorrenza della commemorazione dei defunti, lunedì 1° novembre, alle ore 14,30, il Corteo cittadino con partenza da Piazza Giovanni XXIII raggiungerà il Cimitero dove verranno deposte, presso i Monumenti ai Caduti, le corone di alloro in onore dei Defunti e dei Caduti in guerra.

Prima dell’ingresso al Cimitero, il Corteo sosterà brevemente per rendere omaggio alle vittime del Covid nel nuovo Parco a loro destinato.

Giovedì 4 novembre, la Cerimonia di celebrazione per la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, vedrà esibirsi in corteo l’intera cittadinanza, i rappresentanti delle Associazioni combattentistiche e d’Arma, marinai, carabinieri in pensione, ecc.

Una parata di uniformi e colori grazie alla partecipazione delle Scuole, gli Istituti Comprensivi Don Andrea Santoro, San Tommaso d’Aquino, e l’ISISS Teodosio Rossi a sventolare alto un messaggio di riconoscenza per chi ha lottato per la pace e per chi oggi la difende.
Il corteo si formerà presso il Sacrario dei Decorati all’inizio di via Torretta Rocchigiana, loc. Borgo S’Antonio alle ore 09.30 per assistere alla Cerimonia dell’alzabandiera, la deposizione di una Corona di alloro e la lettura della “Preghiera alla Patria”.

Proseguirà fino a giungere nella piazza del Comune dove sarà celebrata la Messa al campo a cui seguirà la deposizione della Corona di alloro al Monumento ai Caduti e la lettura del “Bollettino della Vittoria” del 4 novembre 1918.

Durante il percorso, il Corteo sosterà brevemente presso la Palazzina di San Nicola per l’inaugurazione della nuova sede dell’Associazione dei Combattenti e Reduci.

Le due giornate saranno lietamente intonate da una rappresentanza della Banda Città di Priverno.

In caso di pioggia la Cerimonia e la Santa Messa si terranno all’interno della Cattedrale.

I commenti non sono chiusi.

Facebook