giovedì 02 Febbraio 2023,

Eventi

Ξ Commenta la notizia

Priverno. IF THERE IS NO SUN_ studio. Un progetto di internazionalizzazione dei processi creativi

scritto da Redazione
Priverno. IF THERE IS NO SUN_ studio. Un progetto di internazionalizzazione dei processi creativi

3 giugno

ore 21.00

creazione  Luca Brinchi, Karima 2G, Irene Russolillo

performance Luca Brinchi, Antoine Danfa, Karima 2G, Irene Russolillo, Mapathe Sako, Ilyes Triki

musica live Karima 2G

Luci Luca Brinchi, Daniele Davino

Costumi Marta Genovese

ideato nell’ambito diCRISOL – creative processes

finanziato nell’ambito del programma Boarding Pass Plus 2019
promosso dal MiBACT Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo

 

produzione  Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee, Gruppo Nanou, Spellbound Associazione

 

con il sostegno di Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Danza Urbana, Menhir Dance Company / Talos Festival – Ruvo di Puglia

 

Residenze

Centre Culturel Blaise Senghor, Dakar

Compagnie 5me Dimension, Dakar

MADA Théâtre, Tataouine

PARC Performing Arts Research Centre, Firenze

 

In collaborazione con

Istituto Italiano di Cultura di Dakar

Istituto Italiano di Cultura di Tunisi

 

CRISOL – creative processes è realizzato da una rete di organizzazioni italiane e straniere. I partner italiani sono: Fondazione Fabbrica Europa – Firenze (project leader), CapoTrave / Kilowatt – Sansepolcro, Danza Urbana – Bologna, LIS LAB Performing Arts / CROSS Festival – Verbania, Tersicorea / Med’Arte / Cortoindanza – Cagliari, Muxarte / ConFormazioni Festival – Palermo, Menhir – Ruvo di Puglia. I partner internazionali coinvolti in questa sezione del progetto sono Cie 5ème Dimension – Dakar (Senegal) e MADA Théâtre – Tataouine (Tunisia).

 

 

Si aprono crepe nelle lingue a parlare di Africa ed Europa, di corpi-territori e di confini che opprimono. Si prova a condividere sogni e desideri. E un senso di estraneità. Si vorrebbero vedere i propri diritti riconosciuti e liberarsi dai propri fantasmi. Sulla terra, nel mare, in mezzo alle altre creature, una nuova comunità emerge dal suo stato di invisibilità. E intraprende una lotta che è un discorso e un viaggio, in cui l’ambiente muta per consunzione e sfocatura. I margini dei ritratti dei singoli si dissolvono. Emerge un organismo più ampio che si insinua tra i differenti paesaggi. Si sfumano i confini dall’uno al molteplice mentre l’ambiente si lascia attraversare, squarciare e acidificare.

«Lasciateci arrivare in quel posto in mezzo ai nostri sogni, dove tutte le luci sono nostre. Facciamo sì che la nostra voce sia il nostro cibo. Possano i nostri pensieri essere muscolosi. Lasciateci arrancare nel nostro mare».*

* estratti tradotti e reinterpretati, a partire da Ladan Osman – Refusing Eurydice (Exiles of Eden-Coffee House Press 2019)

L’artista visivo e regista teatrale romano Luca Brinchi, la cantante e beatmaker italiana di origine liberiana Karima 2G aka Anna Maria Gehnyei e la performer e coreografa pugliese Irene Russolillo si incontrano nel 2020 a Roma, città in cui i tre hanno la propria base. Nel 2022 sarà presentato al pubblico lo spettacolo If there is no sun in cui convergono le esperienze e le visioni dei tre artisti che qui si mettono in gioco insieme per la prima volta.

 

3 giugno

Ore 22.00 Replay / Giselda RanieriAldes

 

RE_PLAY p ro g e t to

G IS E L DA RA N IER I

idea , coreografia , interpretazione GISELDA RANIERI

collaborazione artistica ALESSANDRA SINI

luci e tecnica LUCA TELLESCHI

video ILARIA SCARPA

produzione ALDES con il sostegno di MIC – Direzione Generale Spettacolo, REGIONE TOSCANA / Sistema Regionale dello Spettacolo; Lavanderia a Vapore; Teatro Comunale di Vicenza; Cooperativa Teatrale Prometeo – Centro Residenze Passo Nord in collaborazione con AMAT, nell’ambito di Residenze Marche Spettacolo, promosso da Mic , Regione Marche progetto realizzato con il contributo di ResiDance XL – luoghi e progetti di residenza per creazioni coreografiche azione della Re te Anticorpi XL Network Giovane Dan za D’autore coordinata da L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino

 

RE_PLAY è un solo danzato e parlato in bilico tra personale e pubblico, reale e fake, in dialogo con una tecnologia del quotidiano . Tappa di rielaborazione estetica e intellettuale di un vissuto personale, Replay si pone nel solco della ricerca tra suono-voce e movimento dell’autrice; prosegue lo studio del gioco tra realtà autobiografica e finzione fino a sondarne i limiti in senso coreografico, quindi compositivo e musicale . RePlay, è un solo danzato, la rimessa in atto di ricordi e souvenir virtuali e reali. Ranieri riflette sul concetto di Distanza/Lontananza e di conseguenza, su quello di Vicinanza/Presenza che ad esso si lega. Lo fa interrogandosi sull’uso dei device nella nostra quotidianità: archivio di memorie, elaborazione di “identità” altre, surrogato di “presenze” in assenza di una corporeità live , sguardo esterno capace di creare distanza dal s. La partitura coreografica è sviluppata a partire dallo studio di un archivio personale che raccoglie foto e video privati degli ultimi 2 anni. Attraverso il dispositivo coreografico, Ranieri sperimenta l’uso del device come potenziale testimone, sguardo altro, surrogato corporeo, utile a facilitare una presa di distanza da sé. La ricerca dei materiali parte dal corpo che si fa sedimentazione di ricordi, immagini, atti mancati.

 

Per info e prenotazioni

Rosashocking.associazione@gmail.com

3332062996

  

I commenti non sono chiusi.

Facebook