mercoledì 25 Novembre 2020,

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Priverno. Beni di prima necessità e farmaci a domicilio per chi è in isolamento

scritto da Redazione
Priverno. Beni di prima necessità e farmaci a domicilio per chi è in isolamento

Beni di prima necessità e farmaci a domicilio per chi è in isolamento e non solo… Il Comune di Priverno riattiva i servizi socio – assistenziali rivolti agli anziani, alle persone in difficoltà, con problemi di mobilità e in quarantena. Sarà possibile richiederlo dal lunedì al venerdì, telefonando al già noto numero 0773/912444, attivo tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 14,00 e il martedì e il giovedì anche dalle ore 15,00 alle ore 18,00. E’ il frutto di un accordo tra il Comune di Priverno e i volontari della Croce Rossa Italiana “Comitato di Latina”, vista la curva epidemiologica che non dà segni di tregua ma che al contrario sta costringendo una moltitudine di famiglie alla contumacia domiciliare, per garantire beni di prima necessità a coloro che sono impossibilitati ad uscire di casa. COSA SI PUO’ RICHIEDERE CONSEGNA BENI DI PRIMA NECESSITA’ E FARMACI A DOMICILIO: Il servizio è rivolto agli anziani, alle persone in difficoltà, con problemi di mobilità e in quarantena. Non solo, telefonando allo 0773-912444 risponderanno ulteriori due servizi di sostegno ed assistenza: SOSTEGNO PSICOLOGICO, il servizio consente di richiedere il sostegno di uno psicologo che, previo appuntamento, effettuerà incontri telefonici, in collegamento da remoto o in presenza presso la sede dei Servizi Sociali. ASSISTENZA ABITATIVA PER EMERGENZA COVID-19, per tutti coloro che, convivendo con familiari positivi al Covid e impossibilitati a isolarsi in casa per evitare il contagio, potranno richiedere un intervento di sostegno abitativo alternativo per la durata della quarantena. Con la speranza di “ritornare tutti sui propri passi”, riferisce il Sindaco Anna Maria Bilancia, continuiamo a lavorare per garantire alcuni servizi che riteniamo essenziali a sostegno delle fasce più deboli e dei tanti volti nascosti dietro numeri di bollettini quotidiani.

Rispondi alla discussione

Facebook