martedì 27 Ottobre 2020,

News

Ξ Commenta la notizia

“Pioggia di fondi per la messa in sicurezza contro il dissesto idrogeologico nel Comune di Roccagorga”

scritto da Redazione
“Pioggia di fondi per la messa in sicurezza contro il dissesto idrogeologico nel Comune di Roccagorga”

“Come consigliere comunale di Roccagorga, capo gruppo di Forza Italia, in opposizione a questa maggioranza, rivendico con grande soddisfazione l’attenzione ed il risultato raggiunto per la difesa del territorio della mia comunità. La mia attenzione e l’intervento mirato alla ricerca di contributi statali ha portato risultati importanti per il Comune di Roccagorga”, dichiara Lubiana Restaini in una nota.

Sono stati pubblicati con Decreto del Ministro dell’Interno del 31 agosto i contributi che copriranno le spese di progettazione esecutiva per interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, di messa in sicurezza di strade di strade comunali e rurali, rifacimento di facciate e pavimentazione in aree del centro storico del Comune di Roccagorga.

Una somma importante pari ad euro 278.000,00 di cui:

€ 166.000,00 per la messa in sicurezza del Fosso delle Mole, il cui intervento complessivo per la realizzazione dell’opera è pari ad € 2.000.000;

€ 56.000,00 per la sistemazione delle strade comunali e rurali a fronte di un intervento complessivo per la realizzazione dell’opera di € 400.00,00;

€ 56.000,00 per il rifacimento di facciate e pavimentazione in aree del centro storico a fronte di un intervento complessivo per la realizzazione dell’opera di € 400.00,00;

Un risultato eccellente, che mi ha visto protagonista nel periodo in cui, da assessore del Comune di Roccagorga, mi sono prodigata per incontri tecnici con il Ministero, impegno continuato anche dopo aver rimesso le deleghe, frutto di una attenta ricerca di fondi statali senza aggravio sulle casse comunali, a cui è seguita una perfetta predisposizione della domanda di finanziamento da parte dell’architetto Francesco Palombi, responsabile dell’ufficio tecnico comunale, con cui ho stabilito un rapporto di proficua collaborazione.

In un periodo storico come questo, dove un “mostro” chiamato Covid 19 sta minando la salute dei cittadini e l’economia, mettendo in crisi tutte le nostre certezze e in cui la scarsità di risorse economiche per la progettazione degli interventi prioritari per il nostro territorio ed il conseguente aumento dei fenomeni calamitosi che provocano danni a persone e cose, avere a disposizione una serie di progetti esecutivi rappresenta il punto di partenza per la realizzazione degli interventi, poiché sarà più agevole ottenere ulteriori risorse per la concreta realizzazione ed esecuzione. Il mio dovere sarà anche quello di vigilare affinché queste risorse siano utilizzate per i fini di cui ai progetti finanziati.

Uno dei motivi per cui ho deciso di abbandonare questa maggioranza, ormai residuale, è stato proprio il disinteresse alle priorità ed alla salvaguardia del territorio. Un impegno che continuerò a mantenere nei confronti della comunità di Roccagorga, anche da consigliere di opposizione ma soprattutto da Presidente della consulta dei Piccoli Comuni nell’Anci Lazio, e da Consigliere Nazionale Anci e vice presid. Commissione Nazionale, è quello di relazionarmi con i vari Ministeri e la Regione con la quale grazie al mio ruolo ho rapporti giornalieri, per ricercare i finanziamenti necessari per la realizzazione delle opere pubbliche inserite già da diversi anni, e non certo per la programmazione, assente ed inconsistente di questa maggioranza, nel Piano di interventi. Il mio Impegno per il mio Paese era e sarà ora più determinato. Mi adopererò affinché il nostro Paese possa essere più attrattivo per il turismo e più sicuro per i propri abitanti. Inoltre mi impegnerò per ricercare e approfondire le nuove opportunità che arriveranno tramite il Recovery Fund per reperire fondi per finanziare un mio vecchio sogno: una funivia che dalla località Prati arrivi presso l’Eremo di Sant’Erasmo e un ascensore che dal centro del paese colleghi alla località Archi dove ci sarà la stazione della funivia.

Rispondi alla discussione

Facebook