lunedì 28 settembre 2020,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Parte Masklazio, campagna di sensibilizzazione sull’uso della mascherina

scritto da Redazione
Parte Masklazio, campagna di sensibilizzazione sull’uso della mascherina

Parte #MaskLazio un’azione condotta da giovanissimi attori italiani per sensibilizzare i loro coetanei all’utilizzo della mascherina. Insieme alla Regione Lazio i giovani interpreti hanno realizzato una campagna di comunicazione rivolta alle ragazze e ai ragazzi per sensibilizzarli all’adozione di semplici, ma importantissime pratiche quotidiane. Il messaggio utilizza un linguaggio scelto dai giovanissimi per i giovanissimi, grazie al quale i testimonial invitano i loro coetanei a indossare la mascherina per non dover in futuro rinunciare ai loro piaceri. Nel video (in calce alla nota) e nei post statici, i giovani protagonisti si inquadrano col telefonino in situazioni quotidiane e parlano alludendo alla semplicità del gesto di indossare la mascherina, utilizzando espressioni gergali e senza riferimenti diretti al virus. In sintesi: indossare la mascherina è semplice e non costa nulla. Il vantaggio? Continuare con gli svaghi che ci piacciono. Un messaggio essenziale e chiaro che si chiude con lo slogan: ‘Su la maschera, giù i contagi’.

“Con questo slogan vogliamo puntare ancora di più l’attenzione sul contrasto al Covid-19. In questi mesi abbiamo dato tutti il massimo per bloccare il virus e tanti passi avanti abbiamo fatto, uno tra tutti la sperimentazione del vaccino che è partita proprio in questi giorni. Tutti possiamo agire e c’è qualcosa che ognuno di noi può fare, più volte abbiamo sottolineato i 3 semplici comportamenti da adottare: mascherina, distanza di sicurezza, igiene delle mani. I giovani attori che hanno voluto appoggiare la Regione Lazio in questa campagna stanno dando un contributo straordinario, e a loro voglio dire grazie di cuore. L’aiuto di tutti noi in questo momento è vitale”. Così il Presidente Nicola Zingaretti.

 È possibile vedere il video al seguente link

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+