sabato 18 agosto 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Cronaca

Ξ Commenta la notizia

Ostia: Game over per il clan Spada

scritto da Redazione
Ostia: Game over per il clan Spada

 

 Giornata importante per la lotta alla criminalità organizzata : l’operazione di questa mattina che ha portato all’arresto di 32 esponenti del clan Spada consente di poter scrivere game over per un clan che per oltre vent’anni è stato protagonista dello scacchiere criminale di Ostia. Spaccio di droga, estorsioni, usura, minacce e violenza hanno caratterizzato le attività criminali degli Spada in questi lunghi anni. Dopo tre sentenze che hanno  riconosciuto l’aggravante mafiosa ad alcuni esponenti del clan, la Procura di Roma  configura il reato di associazione di stampo mafioso per i vertici della famiglia Spada.

“A Ostia inferto ennesimo duro colpo a criminalità organizzata e mafie. Grazie a tutte le Forze dell’Ordine e alla Magistratura per lo straordinario lavoro investigativo e per il loro quotidiano impegno nella lotta contro le mafie. Combatterle si può e si deve. Tutti insieme- è il commento del presidente, Nicola Zingaretti”“Questa operazione è il frutto di uno splendido lavoro investigativo della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, della  Squadra Mobile della Questura di Roma e del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Ostia. E’ la conferma che a Roma con l’arrivo del Procuratore Giuseppe Pignatone e del Procuratore Aggiunto Michele Prestipino si è raggiunto un livello di eccellenza  investigativa che non ha precedenti nella nostra città- parole di Gianpiero Cioffredi, Presidente Osservatorio per la Legalità e la Sicurezza della Regione Lazio, che ha aggiunto: questa, come altre inchieste giudiziarie aprono spazi di libertà che ora bisogna riempire con il protagonismo delle Istituzioni e dei cittadini a partire dalle denunce  delle vittime di usura ed estorsioni. Come Osservatorio per la Legalità e la Sicurezza della Regione di concerto con le associazioni antiusura che sono iscritte all’albo regionale, offriamo la nostra disponibilità ad accompagnare le vittime del clan Spada  verso il percorso doveroso e necessario della denuncia aiutandole a liberarsi delle sofferenze e delle violenze subite in questi anni”.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+