mercoledì 16 gennaio 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Orte – Civitavecchia, completato altro tratto strategico

scritto da Redazione
Orte – Civitavecchia, completato altro tratto strategico
Sbloccata dopo anni un’opera che era ferma a causa di problemi burocratici e ricorsi amministrativi. I lavori sono partiti 2 anni fa e, come nei tempi previsti, è stato chiuso il cantiere Monteromano-Cinelli. 117 milioni per 6,4 km di strada.

L’impegno della Regione è quello di velocizzare quanto più possibile la realizzazione degli ultimi 15 km tra Monte Romano e la dorsale tirrenica. Completati ad oggi 55 chilometri su 73, con i 18 restanti già finanziati. L’infrastruttura sarà completata entro il 2022 con circa 500 milioni di investimenti e la collaborazione con Anas, che va avanti.

“Oggi è una grande giornata, apre una grande opera, una strada importantissima sulla tratta Orte Civitavecchia, che è un passo nel futuro nell’infrastruttura viaria della Regione, ma anche dell’Italia, perché collega un grande porto con una grande autostrada. È una bella giornata perché dimostra che anche di fronte le difficoltà è possibile lavorare – così il presidente, Nicola Zingaretti,  che ha aggiunto: apre una grande infrastruttura moderna, a zero impatto ambientale, per alberi piantati e gallerie coperte. Siamo a 55 chilometri su 73, con i 18 restanti già finanziati”.

“L’inaugurazione di oggi rappresenta un esempio positivo dell’attenzione che l’amministrazione regionale ripone nei confronti di opere infrastrutturali strategiche per il nostro territorio. L’opera è
stata portata a termine in 760 giorni, soltanto dieci in più rispetto alla data prevista per l’ultimazione dei lavori. L’operatività di Anas, sommata all’impegno costante degli uffici regionali, ha permesso di raggiungere l’obiettivo iniziale nei tempi previsti. E di questo non possiamo che essere pienamente soddisfatti”- è il commento di Mauro Alessandri, assessore ai lavori pubblici.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+