lunedì 25 Ottobre 2021,

News

Ξ Commenta la notizia

Muoino annegati, bagnanti in spiaggia indifferenti

scritto da Redazione
Muoino annegati, bagnanti in spiaggia indifferenti

Una anziana turista e un ragazzo di 19 anni annegati dopo essersi sentiti male. I cadaveri pietosamente coperti da teli bianchi. Due tragedie avvenute in luoghi diversi, sulle coste laziali e quelle calabresi, ma in entrambi i casi tra l’indifferenza dei bagnanti che hanno continuato a prendere il sole e a giocare sulla sabbia, a pochi metri da quei corpi.
A Formia, in provincia di Latina, oggi una turista russa di 78 anni giaceva senza vita in spiaggia: un’immagine sembrata così normale da non essere neppure degnata del silenzio, come dimostrano le foto scattate sul posto. Solo a qualche metro, ci sono ragazzi che giocano a racchettoni, amoreggiano o si tuffano in mare. Il primo soffio caldo del 2013 ha il sapore del cinismo e dell’indifferenza. Dopo i momenti di panico e i tentativi vani di soccorso della donna, che ha avuto un malore mentre faceva il bagno, l’anziana è morta. A dare l’allarme sono state due signore, che hanno notato il corpo in acqua. Poi l’intervento della guardia Costiera e del 118, purtroppo inutile. Il cadavere é stato portato sulla spiaggia e ricoperto con un telo bianco, quasi a lambire il bagnasciuga. Dopo lo choc, la curiosità e il vociare della gente in spiaggia, che racconta al telefono e al vicino di ombrellone quei momenti e qualcuno si chiede di chi è quel corpo. Ma resta solo un ‘gossip nero’, che dopo pochi minuti lascia spazio al divertimento e al relax sotto il sole. C’é chi si scambia effusioni con la fidanzata, chi gioca a pallone, chi a racchettoni, come documentano terribili fotografie. Qualcuno torna ad abbronzarsi, altri si tuffano o fanno i cruciverba. Il corpo dell’anziana turista russa è diventato suo malgrado parte di una macabra coreografia della morte. Se ne era andata da pochi minuti e già quella donna sotto il telo bianco era seppellita dall’indifferenza.
Stesso copione a Vibo Valentia Marina dove Abdur Abderhaman, 19 anni, marocchino, è morto annegato dopo aver deciso di fare un bagno per cercare un riparo dal caldo. Il cuoco del ristorante dove il ragazzo lavorava si è tuffato in mare per soccorrerlo, ma è stato inutile. Quando il corpo è stato riportato a riva, le numerose persone che erano in spiaggia sono rimaste indifferenti: c’é chi ha continuato a divertirsi con il pallone, chi a giocare con la sabbia a poche decine di metri dal lenzuolo bianco. La situazione si è ricomposta solamente dopo l’intervento dei vigili del fuoco, del personale del 118 e della Capitaneria di porto, che hanno chiesto ai turisti di osservare un comportamento più sobrio in segno di rispetto per il ragazzo morto. Non è la prima volta che si assiste a immagini del genere. Nell’agosto del 2011 un episodio simile scosse Ostia, sul litorale romano. Il cadavere di un 67/enne rimase coperto per tre ore da un telo verde e un ombrellone in attesa di essere portato via, mentre tutt’intorno si continuava a chiacchierare, ridere e scherzare sotto il solleone. Ma casi simili si sono verificati in passato da nord a sud della penisola.

Rispondi alla discussione

Facebook