mercoledì 08 Dicembre 2021,

News

Ξ Commenta la notizia

“Mia indimenticabile consorte…”

scritto da Redazione
“Mia indimenticabile consorte…”

L’appuntamento si svolge nell’ambito delle celebrazioni per il Centenario del Milite Ignoto. Quest’anno ricorrono, infatti, i cento anni dalla tumulazione nel sacello all’Altare della Patria della salma del Milite Ignoto, avvenuta il 4 novembre 1921. Le celebrazioni, a livello nazionale, hanno avuto inizio il 1° giugno e culmineranno il prossimo 4 novembre, Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.

Il libro racconta le vicende della comunità che vive tra il paese di Bassiano e le terre concesse in uso civico dai Caetani nella selva di San Donato, nella palude pontina, nel periodo che va dalla vigilia della Grande Guerra al suo epilogo.

“Il filo conduttore – spiega l’autore – è costituito dalla storia della famiglia di Venanzio Porcelli che vide partire per la guerra quattro dei cinque figli maschi. Tre di essi caddero in combattimento, tra cui Antonio, mio nonno, pastore, socialista, sposo, padre, soldato. Le sue lettere alla moglie forniscono la preziosa testimonianza che conduce negli avvenimenti di una intera comunità”.

Il libro è basato su documentazione originale inedita, lettere, foto e reperti acquisiti nel corso di una lunga ricerca condotta in un arco temporale di circa 4 anni presso gli Archivi di Stato e Comunali nonché presso Enti e privati.

Modererà l’incontro l’assessore alla Cultura, Paolo Fantini, le letture saranno a cura di Mobilitazioni Artistiche.

Massimo Porcelli nasce a Latina, dove tutt’oggi risiede, il 12 novembre 1957 da genitori originari di Bassiano. Subito dopo il diploma, intraprende la carriera militare in Marina dove si arruola nel 1977. Conclude il servizio attivo a fine 2014 e pochi mesi dopo transita nella posizione di Ausiliaria con il grado di Contrammiraglio. Dal giugno 2020 è nella Riserva.

E’ insignito delle onorificenze di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, della Medaglia Mauriziana al Merito di 10 lustri di servizio militare, della Croce di Anzianità di Servizio d’Oro con stelletta (40 anni). Gli è stato attribuito il Diploma di benemerenza con medaglia per le operazioni di soccorso a seguito del sisma del 1980 in Campania e Basilicata e la Croce commemorativa di soccorso internazionale per le operazioni nell’ambito della Missione “Albania 2”.

I commenti non sono chiusi.

Facebook