giovedì 20 febbraio 2020,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Logo e sfide nuove per l’UGL Lazio

scritto da Redazione
Logo e sfide nuove per l’UGL Lazio

A 70 anni dalla sua fondazione, l’UGL rinnova il suo logo ed il suo impegno a fianco dei lavoratori per sostenere i loro diritti e contribuire al miglioramento dell’intero comparto lavoro italiano. La forma irregolare e “liquida” del nuovo logo richiama la fluidità del cambiamento e vuole evocare l’adattabilità del sindacato UGL e la sua apertura rispetto ai nuovi scenari sociali e politici del Paese. Un’immagine vigorosa, in blu chiaro e scuro, che vuole raccontare la storia dell’UGL ma, allo stesso tempo, la contemporaneità di un sindacato moderno. Nel Lazio sono tante le sfide che l’organizzazione sindacale sta portando avanti, sono tanti i problemi da risolvere con urgenza: dai rifiuti, una vera e propria emergenza che interessa la Capitale e altri territori, in attesa di un nuovo piano da parte della Regione Lazio che l’UGL chiede da tempo, alle infrastrutture con la realizzazione dell’autostrada Roma-Latina in primis per ridare slancio economico ai territori. La sicurezza sul lavoro, vero e proprio cavallo di battaglia del sindacato che non intende restare a guardare quanto accade sui cantieri e la sanità che nel Lazio fatica a crescere, dove le liste di attesa sono lunghe e il personale medico ed infermieristico è costretto ad affrontare turni di lavoro massacranti per rispondere all’esigenze della cittadinanza: “Il lavoro cambia – spiega il Segretario Regionale Armando Valiani – e così anche noi. L’evento ha rappresentato l’occasione per ripercorrere la nostra storia, la storia della Cisnal prima e della Ugl poi, nel solco del sindacalismo nazionale, che ci ha visti sempre combattere in prima linea per la tutela dei diritti sociali ed il rispetto della sovranità nazionale. Siamo fieri del nostro passato, ma abbiamo lo sguardo dritto verso il futuro, sempre capaci di rispondere ai cambiamenti economici e sociali”.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+