martedì 25 giugno 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Latina. “Italia in comune”, riunione al Circolo cittadino con Pizzarotti&C

scritto da Redazione
Latina. “Italia in comune”, riunione al Circolo cittadino con Pizzarotti&C

Eccoli i due sindaci, Pizzarotti,sindaco di Parma ,ex Cinque Stelle,e Pascucci,sindaco di Cerveteri,presentare, nel salone, affollatissimo,del circolo cittadino di Latina,il programma di “Italia in comune”, la formazione nata grazie al contributo di diversi sindaci. “Vogliamo essere un’alternativa a soluzioni deboli e populiste, di fronte a temi complessi, ha detto Pascucci. “Non vogliamo certamente essere né pentastellati,né della Lega”. Il sindaco di Latina, Coletta, ammette che “non ci siamo sentiti rappresentati dai partiti esistenti”. “Tutti noi abbiamo fatto un percorso civico e mettiamo insieme le competenze per creare un movimento civico nazionale” ha osservato Pascucci. I riferimenti sono: la carta dei valori, la Costituzione, i diritti della persona, un’Europa sociale, laica, democratica che è il vero spartiacque, l’attenzione ai temi dell’ambiente,del welfare, della cultura, dell’accoglienza. Non è mancato un attacco a Salvini “l vice premier, nel giorno del compleanno di Mussolini ha scritto sul suo profilo: “Molti nemici molto onore” “Noi non lo possiamo consentire,sappiamo di essere nella città liberata da Coletta,dove, fino a poco tempo fa, credevamo che vi chiamavate ancora Littoria.Alle prossime europee, annuncia Pizzarotti, abbiamo intenzione di allearci con Più Europa e i Verdi.”IL PD lo vediamo tendenzialmente morto,perché ha più problemi interni che esterni e neppure la proposta di Calenda ci ha convinto”.
“Noi vogliamo fare i sindaci, ci piace questo mestiere.Tutti pensano alle buche, ai cartelli divelti, al mancato decoro della propria città, ma la qualità di una città si misura su un’idea di ambiente, di stato sociale, di cultura e Parma,ha concluso Pizzarotti,il prossimo anno sarà la Capitale della Cultura 2020”. Arrivederci, dunque,a Parma.

mm

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+