mercoledì 19 giugno 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Primo Piano

Ξ Commenta la notizia

Latina. Hotel Fogliano, forse venduto ai cinesi?

scritto da Redazione
Latina. Hotel Fogliano, forse venduto ai cinesi?

Da alcuni giorni l’Hotel Fogliano ha chiuso i battenti e lo sarà per tutto il 2019.La segreteria telefonica ripete che l’hotel e il ristorante “Vista Mare”, a causa degli eventi meteo marini del 2018,rimarrà chiuso per tutto quest’anno, per consentire lavori di riqualificazione.
Ieri solo un operaio stava lavorando sulla battigia,dove l’erosione ha divorato parecchi metri di spiaggia.Apriranno solo le cabine e gli ombrelloni?
Ma le voci si rincorrono.Qualcuno afferma che l’avvocato Paolo Gargiulo, titolare dell’hotel, avrebbe venduto la struttura ad una grossa società cinese.
Gargiulo e sua moglie, Costa, hanno portato avanti l’attività che, una volta, era affidata al padre di Gargiulo,con grande slancio.
Ora, forse, appagati dal successo ottenuto, dopo il lungo lavoro di restauro che ha reso molto bello l’immobile, il proprietario ha voluto tirare i remi in barca e vendere il complesso alberghiero, diventato davvero elegante,con tutti i confort.
Ma queste sono solo voci, non confermate.
Sbarrata anche la vecchia casa che si trova all’angolo dell’incrocio, prima di giungere a Capo Portiere, una dependance che era gestita sempre dallo stesso titolare del Fogliano,dove alloggiavano alcuni dipendenti.Una vecchia costruzione degli anni trenta che, Alfio D’Annibale,ex candidato sindaco per la lista civica Agricoltura Turismo, aveva proposto (invano) di renderla di pubblica utilità.
Dunque, questa estate, il lido di Latina avrà un albergo in meno e questo influirà abbastanza,anche se questa circostanza, darà, certamente, più lavoro agli altri due hotel vicini, Il Miramare e il Tirreno. Ma il lido di Latina avrebbe,comunque,bisogno di un rilancio,in grande stile,che,per ora,è rimasto solo nei sogni di chi ha parlato tanto, senza ottenere alcun risultato concreto.

 

Mauro Maulucci

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+