mercoledì 26 giugno 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Politica

Ξ Commenta la notizia

Latina. Ancora CC in comune per la variante Q3

scritto da Redazione
Latina. Ancora CC in comune per la variante Q3

I carabinieri forestali del Nipaf, questa mattina, sono tornati di nuovo negli uffici del Comune di Latina per prelevare altra documentazione sulla variante Q3.

La delibera approvata il 28 dicembre 2018 dalla giunta del sindaco Damiano Coletta, avrebbe comportato modifiche sostanziali al Piano regolatore generale con la soppressione in parte di aree destinate a verde pubblico e verde privato vincolato.
Secondo gli inquirenti, la variante urbanistica approvata sarebbe illegittima. Per sostenere correttamente le modifiche sostanziali, accertate dagli investigatori, la variante al Prg, perché di questo si tratterebbe, sarebbe dovuta passare al vaglio del Consiglio comunale.

L’assessore all’urbanistica, Francesco Castaldo ha sempre sostenuto che l’abolizione del vincolo specifico alberghiero non comprometterebbe la destinazione turistico ricettiva dell’area. In questa fase le indagini lo starebbero smentendo. Il Piano particolareggiato edilizio del quartiere Q3, approvato nel 1990, aveva introdotto il vincolo alberghiero specifico a ridosso dell’hotel Garden su richiesta, in fase di osservazioni, dei titolari dell’albergo. Avevano il giardino e chiesero di avere la possibilità in futuro di ampliare l’hotel. L’osservazione fu accolta e inserita nel nuovo Ppe del Q3 in variante al Piano regolatore generale. L’abolizione di quel vincolo oggi comporterebbe, di fatto, una nuova variante al Piano regolatore generale. Ecco perché la stessa sarebbe dovuta passare per il Consiglio comunale.
In Consiglio comunale, il capogruppo di maggioranza Dario Bellini aveva replicato all’attacco del consigliere Nicoletta Zuliani che la variante non era sostanziale.
L’altro ieri in Consiglio comunale il sindaco Coletta, mai entrato nel merito della quetione, ha ribadito di stare con la coscienza a posto. L’indicazione venuta dalle opposizioni di revocare la delibera del 28 dicembre 2018 non è stata comunque accolta.

mm

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+