martedì 25 giugno 2019,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

News

Ξ Commenta la notizia

Incontri con lo scrittore. L’UCID invita Antonia Arslan a Latina

scritto da Redazione
Incontri con lo scrittore. L’UCID invita Antonia Arslan a Latina

Antonia Arslan, scrittrice italo-armena, autrice del celebre romanzo “La masseria delle allodole” in cui è raccontato per la prima volta il genocidio attuato in Anatolia dal governo turco contro la popolazione armena, sarà a Latina giovedì 28 febbraio 2019 alle ore 17.30 presso la Sala Convegni San Lidano della Curia vescovile. L’evento, promosso dall’UCID (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti), si inserisce nel ciclo “Incontri con lo scrittore” che prevede alcuni momenti di riflessione culturale fortemente voluti dal Presidente dell’UCID pontina, l’Ing. Francesco Berardi.

“Antonia Arslan con i suoi meravigliosi romanzi – sottolinea il Presidente dell’UCID, Francesco Berardi – non solo ha fatto conoscere nel mondo il drammatico genocidio vissuto dalla popolazione armena in Anatolia agli inizi del novecento, ma ci trasmette attraverso la sua scrittura quella bellezza che per noi cristiani è la base del nostro linguaggio e della nostra cultura.”

“L’incontro, moderato dal giornalista Gianluca Campagna – continua Berardi –  vedrà la partecipazione dell’Ambasciatrice della Repubblica d’Armenia, Sua eccellenza Victoria Bagdassarian, assieme al Sen. Riccardo Pedrizzi, Presidente del CTS nazionale di UCID e a Carlo Piccolo, membro del nostro gruppo giovani. Come UCID non possiamo dimenticare che all’origine del genocidio, tuttora negato dal Governo turco, vi era la fede cristiana del popolo armeno, uno dei primi episodi nella storia moderna di quel cristianicidio che ad oggi prosegue in molte parti del mondo, nel silenzio generale dei media e dei governi”.

“Con questa iniziativa – conclude il Presidente dell’UCID – l’Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti torna ad interpretare quel ruolo per noi caro di minoranza creativa, capace di provocare e interrogare la comunità con contenuti culturali in grado di sfidare il cosiddetto pensiero unico”.

 

 

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+