mercoledì 19 settembre 2018,
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo
Ditta edile artigiana Picone Vincenzo

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Il Comune di Cori informa

scritto da Redazione
Il Comune di Cori informa

Anche a Cori Cantine Aperte a San Martino

Domenica 12 Novembre la famiglia Ferretti accoglierà gli enonauti nella Tenuta Pietra Pinta con la degustazione dei suoi vini ed un menù dedicato a vino, mosto e castagne.

Cantine Aperte a San Martino anche a Cori. Domenica 12 Novembre l’Azienda Agricola Pietra Pinta partecipa all’appuntamento autunnale del Movimento Turismo del Vino, ispirato all’antico detto popolare “Nell’estate di San Martino si spilla la botte e si assaggia il vino”. Protagonista dell’iniziativa infatti è il vino Novello, che entra in commercio i primi di Novembre dello stesso anno di vendemmia e va bevuto al massimo entro la primavera successiva.

La famiglia Ferretti accoglierà gli enonauti con la degustazione di tutti i suoi vini e un menù a tema, dedicato per l’occasione al vino, al mosto e alle castagne, alcune delle tipicità locali abbinate ad altri prodotti di stagione tipici del territorio, in un gustoso intreccio a cui faranno da sottofondo i curiosi racconti delle storie millenarie rurali che legano la cultura culinaria a quella vitivinicola ed enologica della zona.

La Festa di San Martino rievoca una delle più importanti tradizioni italiche della vita contadina e di campagna, che da sempre vuole un brindisi con il primo mosto, frutto delle uve appena raccolte e pigiate. “A San Martino ogni mosto diventa vino”, è il proverbio che da nord a sud accompagna ovunque questo evento. A San Martino si rivolge anche il Ringraziamento al termine delle stagione agricola.

“Andar per cantine” in questo periodo di particolare fermento è l’ideale per trascorrere piacevolmente la giornata, in un’atmosfera solitamente calda, grazie anche alla usuale tregua del freddo che caratterizza l’Estate di San Martino, immersi in un paesaggio unico, coi vigneti liberi dai grappoli e ormai pronti al riposo invernale, le foglie che iniziano a cambiare colore mostrando quello del vitigno.

________________________________________________________________________________

Scipione Pulzone di Gaeta. Un modello per la pittura religiosa a Cori nel Seicento

Sabato 11 Novembre, alle ore 16:30, al Museo della Città e del Territorio di Cori, la conferenza a cura dello storico dell’arte Federico De Martino.

‘Scipione Pulzone di Gaeta. Un modello per la pittura religiosa a Cori nel Seicento’ è il titolo del prossimo incontro sulla storia e la cultura locale che si terrà l’11 Novembre, alle ore 16:30, presso la sala conferenze del Museo della Città e del Territorio di Cori, che segue alla presentazione del libro del prof. Lauro Graziosi, ‘La qualità del “sentire” – ovvero critica della “ragion” musicale’.

Il convegno in programma per sabato è curato dallo storico dell’arte Federico De Martino, già ospite a Cori in altre occasioni, da sempre studioso della pittura di ambito romano del XVII e del XVIII secolo, e dal 2015 anche curatore presso la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, prestando servizio al Museo di Roma Palazzo Braschi.

Per comprendere e apprezzare le opere d’arte sacra del XVII secolo sugli altari e nelle chiese di Cori può essere utile prendere in considerazione l’influsso di Scipione Pulzone (Gaeta 1550 – Roma 1598) sugli anonimi maestri che le hanno realizzate. Il pittore gaetano, infatti, lasciò un’eredità figurativa che nel Lazio meridionale fu di grande attualità anche molti decenni dopo la sua scomparsa.

Ripercorrere le vicende della pittura corese nel Seicento attraverso il confronto con le opere di Pulzone è una interessante occasione per verificare gli esiti dell’arte controriformistica, in un territorio che, pure essendo lontano dai principali centri di irradiazione della cultura pittorica dell’epoca, fu comunque fervido di devozione e ricco di committenze.

L’iniziativa rientra nel secondo ciclo di conferenze del 2017, promosso dalla Direzione scientifica del Museo, dall’Associazione Culturale Arcadia, dall’Assessorato alla Cultura e dal Settore Cultura del Comune di Cori. L’ultimo appuntamento sabato 16 Dicembre, con l’inaugurazione della mostra “Memoria impressa. Luigi Rossini e le antichità di Cora (1826)”.

________________________________________________________________________________

Cori: la Via Francigena al centro dell’Europa con il programma Erasmus Plus

60 conferenzieri da 10 Paesi, tra cui accademici di 12 università, attivisti, imprenditori, scuole ed associazioni, hanno partecipato al meeting internazionale. Prossimo appuntamento a Febbraio con l’incontro europeo Den-Cupid.

Oltre 60 conferenzieri da 10 Paesi dell’Europa e dell’America Latina, sono intervenuti al meeting internazionale su cammini spirituali, turismo sostenibile e fonti termali, organizzato a Cori, sulla Via Francigena del Sud, dal 3 al 6 Novembre da Futuro Digitale, col supporto del Comune di Cori, nell’ambito del progetto europeo “Cultour Plus”, capofilato dall’Università di Extremadura (Spagna).

Accademici provenienti da 12 università, ma anche attivisti, imprenditori, scuole, associazioni. Personalità di spessore scientifico si sono collegate in video-conferenza da varie parti del mondo. 4 giorni di dibattito sull’attualità del settore, arricchiti dallo spettacolo folklorico degli Sbandieratori dei Rioni di Cori e dal concerto musicale del Coro Polifonico Lumina Vocis diretto dal M° Giovanni Monti.

I lavori congressuali, pubblicati su prestigiose riviste turistiche mondiali, si sono svolti in inglese, italiano e spagnolo, tradotti simultaneamente dagli studenti dell’Università degli Studi Internazionali di Roma. Gli alunni dell’Istituto di Istruzione Superiore San Benedetto di Latina hanno invece contribuito ad esaltare le degustazioni enogastronomiche curate dallo chef Marco Morico.

Un laboratorio sperimentale finanziato dal programma Erasmus Plus, capace di coinvolgere e valorizzare le eccellenze locali, ospitato presso le strutture del Polo Culturale: il teatro comunale “Luigi Pistilli”, il Museo della Città e del Territorio, la Chiesa di Sant’Oliva, Palazzetto Luciani. Un’esperienza che proseguirà a Febbraio quando la Città d’Arte ospiterà l’incontro europeo Den-Cupid.

Rispondi alla discussione

Seguici

Facebook

Twitter

Google+