sabato 21 Maggio 2022,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Gaeta. “Un progetto di riqualificazione con dubbio”

scritto da Redazione
Gaeta. “Un progetto di riqualificazione con dubbio”

Il candidato sindaco Cristian Leccese ci informa che ha in atto un progetto di riqualificazione del litorale Sant’Agostino, se non fosse che più di un dubbio ci insinua.
Con la determina dirigenziale del 31/12/2021 si decide di affidare un incarico professionale all’Arch. Francesco Nigro dal costo totale di 19000 euro per realizzare un progetto e conseguenti cartografie con lo scopo di intervenire nel merito della “Rigenerazione urbana”, in particolare l’ambito territoriale della Piana di S. Agostino, basandosi sulla Legge Regionale inerente del 2017. Senza tralasciare l’attesa di cinque anni dalla pubblicazione della sopra citata Legge Regionale all’intervento del comune di Gaeta, si ritiene singolare e imbarazzante sia che tale progetto non sia stato discusso in commissione urbanistica, non convocata da un anno, e sia che non si abbiano notizie dopo più di 3 mesi del lavoro svolto da parte dell’architetto incaricato.
Con la cifra di 19000 euro è stato incaricato un professionista il cui risvolto è ancora incompiuto o, altrimenti, la medesima cifra è un contributo a carico dei cittadini gaetani per favorire la campagna elettorale di Cristian Leccese? Le grafiche dell’opera, infatti, sono state presentate appena qualche giorno fa dal suddetto candidato sindaco.
Bisogna tener presente che lo stesso architetto fu incaricato con Del. C.C n. 3 del 2018, impegnando altre risorse economiche sulle spalle dei cittadini, per tracciare le linee guida del Piano Regolatore.
I consiglieri di minoranza per giunta non sono mai stati informati nè sono state predisposte notizie del lavoro svolto nei loro confronti, ma crediamo che ai consiglieri di maggioranza ciò non interessi, a meno di pressioni e diktat dell’ultimo minuto.
Da queste, inoltre, abbiamo appreso l’intenzione di costruire un percorso stradale ai piedi del monte di S. Agostino, nell’area della “Grotta del Serpente”. Il candidato sindaco, insieme ai consiglieri uscenti pronti a ricandidarsi dopo dieci o cinque anni di silenzio, è disposto a rendere nota la soluzione ai molteplici abusi presenti in quella zona, proprio dove è disegnata la strada secondaria? Sono stati promessi condoni edilizi a fronte delle pratiche presenti da decenni in comune?
Attendiamo risposte celeri e nel merito. Sarebbe, altresì grave e inopportuno aver speso senza un fine 19000 euro, ma ancor più pericoloso e rilevante se la campagna elettorale fosse pagata a peso d’oro dai cittadini gaetani.
Demos
Orizzonti Per Gaeta
Gaeta 5 Stelle
Insieme Per Gaeta
Movimento Progressista

I commenti non sono chiusi.

Facebook