giovedì 28 Ottobre 2021,

Politica

Ξ Commenta la notizia

Gaeta. PUA: il Consiglio Comunale adotta il nuovo Piano

scritto da Redazione
Gaeta. PUA: il Consiglio Comunale adotta il nuovo Piano

Adottato il nuovo PUA dal Consiglio Comunale. Il Piano che disciplina la gestione e l’uso delle aree del demanio marittimo con finalità turistico – ricreative è ritornato in aula consiliare il 3 giugno scorso, dopo il ritiro da parte dell’Amministrazione del testo adottato dall’assise cittadina il 19 febbraio 2013.
La nuova versione, con alcune modifiche migliorative, è stata presentata dagli Assessori al Demanio e all’Urbanistica, rispettivamente  Alessandro Vona e Pasquale De Simone.
Un PUA sempre più all’insegna dell’ecosostenibilità, equità e omogeneità  grazie ad alcuni ritocchi che abbiamo sottoposto all’esame del Consiglio dichiara il Sindaco Mitrano – Nel nuovo testo restano saldi, quindi, i principi guida del documento precedente: ovvero la razionalizzazione dell’utilizzo dell’arenile, con l’ottimizzazione delle destinazioni, la riqualificazione ed il potenziamento dell’offerta dei servizi che consentono opportunità di crescita alle imprese.  Si ribadisce, infine, la fondamentale esigenza di tutela dei tratti di spiaggia per la conservazione delle risorse naturali, in armonia con lo sviluppo delle attività turistiche, e la libera fruizione di diverse zone di arenile, definite dalla nostra Amministrazione con grande equilibrio e nel rispetto dei criteri di equità e di sviluppo sostenibile. Finalmente dopo decenni di stagnazione e empasse totale dell’azione amministrativa, diamo una risposta ai tanti operatori del settore che, sino ad oggi, hanno chiesto invano una regolamentazione ed un pianificazione degli arenili. Non abbiamo la certezza che il nostro P.U.A. ottenga il consenso unanime degli operatori, sicuramente stiamo dimostrando capacità e grande impegno nel portare avanti istanze  fondamentali della nostra comunità. Riconfermiamo che si tratta di un risultato importante della città per la città”.
Le nuove concessioni dovranno rispettare in pieno il criterio dell’ecosostenibilità sia nell’uso dei materiali che delle tecnologie per l’efficientamento energetico finalizzato all’auto sostentamento. Tutte le strutture da realizzare dovranno essere amovibili. In poche parole tutte ad impatto zero.  I nuovi concessionari hanno l’obbligo di realizzare il totale abbattimento delle barriere architettoniche.
“Nella sostanza il nuovo PUA non si discosta dal precedentetiene a precisare l’Assessore Vona –  abbiamo appianato alcune criticità, previsto spiagge libere vicino a tutte le concessioni esistenti, e introdotto un’importante novità sul Lungomare di Serapo. In questa zona, l’Amministrazione Comunale si è riservata la possibilità, nel momento in cui sarà predisposto il progetto esecutivo su iniziativa comunale o con la partecipazione dei privati, di estrapolare dalle concessioni esistenti, l’area oggi destinata ai parcheggi, che così ritornerà nella disponibilità pubblica e potrà essere oggetto di importanti realizzazioni. Sul lato a monte della spiaggia di Serapo, resta ferma la previsione di nuove concessioni finalizzate al potenziamento e miglioramento dell’offerta turistica sull’arenile più famoso del Golfo, con l’obiettivo di arrivare anche al funzionamento invernale delle attività, e dare così un impulso alla destagionalizzazione. La aree retrostanti degli stabilimenti balneari, spesso abbandonate, potranno essere assentite ai concessionari  che potranno realizzarvi una serie di servizi accessori, attraverso apposite aree tematiche (WiFi, Fitness, piscina ecc.), di supporto alle attività turistico – balneari principali. Tutto è rimasto invariato all’Arenauta. Mentre a S. Agostino abbiamo previsto anche una concessione sportiva, prima inesistente. In conclusione il 17% dell’arenile gaetano complessivamente considerato sarà destinato a spiaggia libera, 13 % sottoposto a tutela ambientale, il 5% interdetto”.
L’Assessore all’Urbanistica Pasquale De Simone riconferma la massima attenzione,  anche nella nuova versione del PUA, verso la  tutela paesaggistica con particolare riguardo alle aree dunali e alle falesie.
Per il Vice Sindaco Cristian Leccese lo strumento adottato è perfettibile e migliorabile. Il risultato politico sarà tanto più importante quanto maggiore sarà la capacità  degli amministratori e  degli operatori balneari di aprirsi al confronto e al dialogo. “
“In ogni caso  – afferma il Vice Sindaco –  è un risultato atteso da trenta anni che sta a significare il notevole impegno dell’attuale Amministrazione nella programmazione. Senza programmi non si può costruire una città migliore. E da questo punto di vista siamo in piena attività e fermento: siamo al lavoro per il Piano Regolatore Generale; grandi opere pubbliche sono in fase di studio quali la rotonda a Calegna, il restyling di Fontania, i parcheggi interrati  a Villa delle Sirene,  a Piazzale Caboto e a Piazza XIX Maggio.  Di particolare importanza sono i progetti sul Lungomare Caboto, cui ha fatto riferimento  l’Assessore Vona, ed in Piazza della Libertà. Per quanto riguarda Marina di Serapo, il nuovo PUA consente infatti progetti a breve e a medio – lungo termine: in tempi rapidi si potrà realizzare il tratto di pista ciclabile che da Via Bologna arriva fino al Lungomare. Mentre a medio e lungo termine sarà possibile  creare nell’area che va da Via Ancona fino alla Villetta di Serapo, un grande parcheggio interrato, posizionato al di sotto di Via Marina di Serapo, con 1500 posti auto. Nell’area sovrastante potranno trovare posto spazi ludici, zone verdi, pista ciclabile. L’idea progettuale è già allo studio degli Uffici Comunali e si sviluppa sulla falsariga di quanto già realizzato a Riccione sul nuovo Lungomare. Sicuramente la prima grande opera che si riuscirà a concretizzare, sarà il restyling totale di Piazza della Libertà, di cui a breve porteremo in Consiglio Comunale le delibere propedeutiche al successivo affidamento della relativa progettazione. Piazza della Libertà diventerà la seconda Piazza più grande della Provincia di Latina con parcheggi interrati, zone commerciali e aree verdi”.  
Il nuovo Piano è stato adottato dalla maggioranza consiliare, ad esclusione dei consiglieri Speringo e Magliozzi non presenti per incompatibilità, e in assenza dei Consiglieri Comunali di minoranza Raimondi, Martone e Costabile.
L’iter amministrativo che doterà definitivamente il Comune di Gaeta del suo primo P.U.A. prevede 30 giorni per la pubblicazione ed altri 30 giorni per le eventuali osservazioni da parte degli operatori. Quindi il documento ritornerà in Consiglio Comunale per approdare successivamente sui tavoli della Regione Lazio che dovrà esprimere, “con la massima celerità” auspica il Sindaco, i pareri di propria competenza. A quel punto finalmente il P.U.A. diventerà realtà, dopo più di 30 anni di promesse non  mantenute e sogni non realizzati.

Rispondi alla discussione

Facebook