martedì 24 Novembre 2020,

Dai Comuni

Ξ Commenta la notizia

Gaeta. Consiglio Comunale: presto via radio e via web

scritto da Redazione
Gaeta. Consiglio Comunale: presto via radio e via web

“La sensibilità dell’Amministrazione Comunale in merito alle esigenze di informazione pubblica e istituzionale è massima”. Lo afferma il Presidente del Consiglio Comunale Luigi Coscione, aggiungendo: “particolare attenzione è rivolta alla diffusione pubblica dei lavori dell’assise consiliare. Lo dimostra anche la capillare e tempestiva comunicazione alla popolazione della convocazione del Consiglio Comunale, sia attraverso i media che con appositi manifesti pubblici”.
Il Presidente Luigi Coscione interviene così sulla vexata questio della trasmissione televisiva e radiofonica dei Consigli Comunali, rassicurando la cittadinanza  sull’operato dell’attuale Amministrazione, riguardo all’individuazione delle soluzioni giuridicamente più idonee a garantire la totale e assoluta imparzialità nella diffusione integrale delle riunioni del Consiglio Comunale.
“Ci stiamo adoperando – comunica Coscione – per dotare l’Aula Consiliare di telecamere per la ripresa e la trasmissione integrale dei lavori dell’assise via web, attraverso il sito istituzionale del Comune di Gaeta. Inoltre, al fine di garantire pari opportunità, e quindi la possibilità a tutti i cittadini di venire a conoscenza del dibattito e delle decisioni assunte dal Consiglio, anche a quelli che, per varie ragioni, non possono collegarsi al sito web istituzionale, vogliamo promuovere la trasmissione via radio di tali lavori consiliari. A breve, partirà l’iter burocratico amministrativo, previsto dalla Legge, finalizzato all’individuazione dell’emittente radiofonica che dovrà occuparsi ufficialmente del servizio”.
“Infine vorrei sottolineare – conclude il Presidente dell’assise consiliare – che l’attuale vuoto normativo, nella regolamentazione comunale in materia, lo abbiamo ereditato dalle passate amministrazioni, che evidentemente non hanno fatto nulla per colmarlo”.

Rispondi alla discussione

Facebook